Wikipedia:Uso delle fonti | cosa comporta l'assenza di fonti

Cosa comporta l'assenza di fonti

Abbreviazioni
WP:CITA
WP:CLF
WP:Cita le fonti

Visti i problemi di violazione di copyright e affidabilità che hanno portato, tra le altre cose, alla nascita del Progetto:Rimozione contributi sospetti, per alcune tipologie di contenuti si è reso necessario stabilire alcuni criteri dedicati, [1] che chiariscono cosa comporta l'assenza di fonti.

La mancata citazione della fonte (o una nota che illustra come il dato riportato nella voce è stato ottenuto), comporta:

  1. La cancellazione/oscuramento del testo (<!-- -->) o il suo spostamento in pagina di discussione per (presunte) informazioni che come tali costituiscano la base della successiva analisi e approfondimenti, ma non siano altrimenti verificabili:
    • dati statistici o quantitativi di ogni genere: stime, percentuali, numeri specifici (di produzione, vendita, quantità, popolazione, ecc.); dati e misurazioni scientifiche; dati specifici su un territorio o nazione (dimensioni, produttività, ecc.); valori soggetti a mutare nel tempo (numero di reti di un calciatore, vittorie di una squadra, ecc.);
    • citazioni di dichiarazioni, comunicati stampa, articoli, eventi giudiziari in genere; affermazioni o dati di qualunque genere che, se non di acclarabile pubblico dominio, possano configurarsi come violazione della privacy, calunnia o diffamazione.
  2. L'inserimento dei template {{ F}} o {{ citazione necessaria}}, per:
    • informazioni biografiche generali;
    • interpretazioni dei fatti e opinioni di qualunque genere, comprese le analisi storico/artistiche di personaggi o movimenti;
    • descrizioni di fatti o metodologie di lavoro.
  3. Nessuna cancellazione, ma l'uso di una fonte generale è comunque caldeggiata per fornire un'informazione completa, per:
    • fatti non controversi e generalmente condivisi (a partire dai fatti universalmente acclarati o evidenti), per i quali avrebbe poco senso indicare una fonte specifica perché tutte o quasi si equivalgono nel trattarli.

N.B.: In linea generale, l'uso delle fonti è sempre caldeggiato perché conferisce autorevolezza e verificabilità ai contenuti di Wikipedia. La bibliografia (e la sezione dei collegamenti esterni) è invece lo strumento ottimale per indicare documenti di approfondimento generale dell'argomento trattato, in particolare per quei punti condivisi e non controversi di cui al criterio 3. In questa sezione è possibile inserire anche fonti delle quali non si è fatto direttamente uso ma che contribuiscono ad approfondire il tema (se si è fatto uso di un testo in particolare va indicato quello; in ogni caso deve essere chiaro il ruolo di ciascun testo), mentre le fonti delle singole affermazioni di cui ai criteri 1 e 2 vanno indicate puntualmente con l'uso delle note.

Esempi

  • Il fatto che Giulio Cesare sia morto non necessita di fonte; tuttavia, può essere utile indicare quale fonte uno strumento di approfondimento (manuale storico, saggio sulla storia classica, ecc.).
  • Il fatto che Massimo D'Alema «faceva anche volontariato in parrocchia e partecipava alla redazione del giornalino parrocchiale», per quanto oggettivo, è difficilmente verificabile: è quindi necessario specificare da dove l'informazione è tratta.
  • Parimenti, dire che «D'Alema è sempre stato considerato un "figlio del partito"» significa riportare un'opinione o interpretazione che può non essere condivisa. Quindi - purché sia enciclopedica - bisogna specificare a chi appartiene e da dove è stata tratta.
  • «Le emissioni più rilevanti di diossine non sono quelle in atmosfera ma quelle nel terreno: oltre 35000 g/a contro 20000 al massimo» è un dato talmente specifico da non essere normalmente verificabile, perciò ha obbligatoriamente bisogno di una fonte; se ne è privo, è talmente aleatorio da renderne opportuno l'oscuramento o la rimozione.
En otros idiomas