Domenico Alberti | opere

Opere

L'opera omnia di Alberti è stata incisa dall'organista Manuel Tomadin nel 2015.[6]

Il basso albertino ha avuto fortuna, è stato accolto da molti grandi compositori (tra i quali spiccano i Wiener Klassiker Haydn, Mozart e Beethoven) e ha formato un modello importante nella musica classica per tastiera.[3]

Sonata VIII (info file)
Celebre sonata per clavicembalo. Il primo ingresso del basso albertino si nota alla sesta misura (0:14).

La produzione di Alberti annovera opere, mottetti e sonate per clavicembalo la cui caratteristica è la ripartizione in due movimenti in forma binaria. Le trentasei sonate tradizionalmente attribuitegli, di cui quattordici sono pervenute, sono probabilmente una sovrastima.[3]

Una raccolta di sonate fu oggetto di plagio da parte di un suo presunto allievo, il castrato Giuseppe Jozzi, e apparve a nome di questi a Londra (1748) e Amsterdam (1761).[7] La sussistenza del plagio integrale è discussa da chi ritiene che Jozzi fosse realmente autore di diversi movimenti,[7] ma la vicenda destò scandalo, e le sonate furono ripubblicate a Parigi e riattribuite all'Alberti.[1]

La produzione di Alberti include:[1]

  • Endimione (serenata)[8]
  • Galatea (opera)[8]
  • Olimpiade (opera)[8][9]
  • Ah frenate il pianto (aria d'opera per soprano) da Temistocle di Metastasio
  • Sonate per clavicembalo.

Basso albertino

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Basso albertino.
Il basso albertino nell'incipit della Sonata K 545 di Mozart.

La pratica del basso arpeggiato, che pure non è sistematica nell'Alberti, si diffuse e si impose presto a scapito del basso continuo nella musica europea dell'epoca.[1][10]

Curiosamente proprio in Alberti la tecnica che da lui prende il nome non è considerata molto efficace: egli infatti non se ne servì nel modo fluido affermatosi ad esempio con Mozart, ma la usò spesso quasi a mo' di pedale analogamente al cosiddetto basso di Murky (a ottave spezzate) e in un'armonizzazione piuttosto statica intorno all'accordo di tonica.[11]

En otros idiomas