Vasilij Vasil'evič Kuznecov

Vasilij Vasil'evič Kuznecov
Kuznetzov 43062X8X18.JPG

Presidente del Presidium del Soviet Supremo dell'URSS
Durata mandato10 novembre 1982 –
16 giugno 1983
PredecessoreLeonid Brežnev
SuccessoreJurij Andropov

Durata mandato9 febbraio 1984 –
11 aprile 1984
PredecessoreJurij Andropov
SuccessoreKonstantin Černenko

Durata mandato10 marzo 1985 –
27 luglio 1985
PredecessoreKonstantin Černenko
SuccessoreAndrei Gromyko

Deputato del Soviet delle Nazionalità del Soviet Supremo dell'URSS
LegislatureII, III, IV, V, VI, VII, VIII, IX, X, XI
CircoscrizioneRSFS Russa

Dati generali
Partito politicoPartito Comunista dell'Unione Sovietica

Vasilij Vasil'evič Kuznecov (in russo: Василий Васильевич Кузнецов?; Sofilovka, 31 gennaio 1901Mosca, 5 giugno 1990) è stato un politico sovietico, nonché Presidente del Praesidium del Soviet supremo dell'URSS dal 1982 al 1983, una seconda volta nel 1984 e per una terza volta nel 1985.

Biografia

Kuznecov nasce a Sofilovka nell'oblast' di Kostroma, Impero Russo. Entra nel partito comunista nel maggio del 1927. Studia ingegneria e si reca negli Stati Uniti dal 1931 al 1933 per studi sulla lavorazione dei metalli. A partire dal 1940 ricopre diverse posizioni di governo e nel partito comunista. Dal 12 marzo del 1946 al 12 marzo del 1950 è presidente del Soviet delle Nazionalità. Nel 1955 diventa il primo vice ministro degli affari esteri. Il 7 ottobre 1977 è eletto primo vice presidente del Praesidium del Soviet supremo dell'URSS, una posizione che manterrà fino al 18 giugno del 1986. Alla morte rispettivamente di Leonid Il'ič Brežnev (1982), Jurij Andropov (1984) e Konstantin Černenko (1985)[1], Kuznetzov diventa il presidente facente funzione del Presidium. Ricoprendo l'ultimo incarico ad un'età di 84 anni, diventa il più anziano leader dell'Unione Sovietica.

Si ritira dalla scena politica nel 1986 e muore a Mosca il 5 giugno del 1990.[2]

En otros idiomas