Trip hop

Trip hop
Origini stilistiche Rap
Musica elettronica
Dub
Musica psichedelica
Origini culturali anni novanta, Bristol ( Regno Unito)
Strumenti tipici voce, tastiera, campionatore, sintetizzatore, drum machine, chitarra, basso, batteria acustica ed elettronica, ottoni, flauti, archi
Popolarità moderata, principalmente nell'Europa dell'est e in Nord America
Generi correlati
Elettrorap - Hip hop soul - Hip house - illbient - Industrial hip hop - Pop rap
Categorie correlate

Gruppi musicali trip hop · Musicisti trip hop · Album trip hop · EP trip hop · Singoli trip hop · Album video trip hop

Il trip hop è un genere musicale affermatosi negli anni novanta.

Storia

Daddy G dei Massive Attack

Il genere è nato a Bristol grazie alla scena relativa al Wild Bunch, collettivo di DJ attivo negli anni ottanta che, come detto, mescola i motivi elettronici a quelli hip hop, dub, techno e house. I primi esponenti del movimento trip hop sono stati i Massive Attack (attivi dal 1987), che insieme a Tricky e Portishead hanno creato la storia di questo genere. Notevole apporto successivamente è stato dato anche dal DJ Tim Simenon, conosciuto come Bomb the Bass. Tra i primi esponenti del genere vi sono gli Smith and Mighty e Monk and Canatella.

Il termine trip hop è nato solo verso la metà degli anni novanta come termine più "sofisticato" rispetto all'hip hop, [1] e derivante dal termine inglese " trip" (che vuol dire viaggio con la mente).

Tipiche sonorità trip hop anni ottanta ( info file)

Nel genere trip hop sono stati in seguito spesso associati anche gruppi non di Bristol che però in qualche modo ne furono influenzati in qualche misura o pur non rientrando nel genere ne avevano diverse similitudini, come i londinesi Archive che spaziano su numerosi generi, il primo disco elettronico dei Goldfrapp o addirittura, uscendo dal Regno Unito, il compositore australiano Rob Dougan e l'artista hip hop americano DJ Shadow. Molti gruppi inoltre hanno sperimentato influenze trip hop per un breve periodo, come l' islandese Björk in alcune canzoni, i norvegesi Ulver sul disco Perdition City o la band canadese Au4 nel loro primo album On: Audio. Tra gli italiani che si sono ispirati a questo genere c'è la cantautrice Elisa [2] con il suo album " Asile's World" [3].

En otros idiomas
беларуская (тарашкевіца)‎: Трып-гоп
български: Трип-хоп
català: Trip hop
čeština: Trip hop
dansk: Trip hop
Deutsch: Trip-Hop
Ελληνικά: Τριπ χοπ
English: Trip hop
español: Trip hop
فارسی: تریپ هاپ
suomi: Trip hop
français: Trip hop
עברית: טריפ הופ
hrvatski: Trip hop
Հայերեն: Թրիփ֊հոփ
íslenska: Trip hop
ქართული: ტრიპ-ჰოპი
한국어: 트립합
Lëtzebuergesch: Trip-Hop
lumbaart: Trip hop
lietuvių: Trip-hop
latviešu: Triphops
Nederlands: Triphop
norsk: Trip hop
polski: Trip hop
português: Trip hop
русский: Трип-хоп
sicilianu: Trip Hop
Scots: Trip hop
Simple English: Trip hop
slovenčina: Trip-hop
slovenščina: Trip hop
српски / srpski: Трип хоп
svenska: Triphop
Türkçe: Trip hop
українська: Тріп-хоп
中文: 神遊舞曲