Telefono

Il telefono è un dispositivo dotato di un microfono e di un ricevitore che permette a chi lo utilizza di parlare e di ascoltare a distanza chi utilizzi un dispositivo analogo. Più tecnicamente il telefono è un apparecchio terminale di un impianto telefonico che è in grado di trasformare vibrazioni acustiche in impulsi elettrici e nuovamente in suoni in modo che esse possano essere trasmesse a distanza a un apparecchio similare. Il telefono è costituito da un microfono, un altoparlante e una tastiera - o meno recentemente un disco selettore - mediante il quale comporre un codice numerico corrispondente all'utente con cui si voglia stabilire una conversazione telefonica.

Tipologie

Inerentemente il funzionamento di base del telefono si distinguono le seguenti tre tipologie principali di telefoni:

Inerentemente l'installazione del telefono, si distinguono le seguenti due tipologie principali di telefoni:

Inerentemente l' impianto telefonico a cui si collega il telefono, si distinguono invece le seguenti due tipologie principali di telefoni:

  • telefono cellulare;
  • telefono satellitare.

In base al funzionamento

Telefono meccanico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Telefono meccanico.

Il telefono meccanico è un telefono che trasmette il suono in modo meccanico, facendo vibrare la materia, ed è in grado di ricevere il suono così trasmesso. Il telefono meccanico genera quindi il suono nello stesso modo in cui viene generato in natura. Da un punto di vista storico, tra le tipologie di telefoni distinti per funzionamento di base, il telefono meccanico è la prima tipologia di telefono realizzata. Ciò non deve stupire in quanto l'uomo nel realizzare nuovi strumenti è spesso partito cercando di imitare la natura. Il telefono meccanico è però un telefono superato dal telefono elettrico in quanto non in grado di offrire la stessa efficienza e le stesse prestazioni. Telefoni meccanici oggi sono comunque prodotti come giocattoli per bambini o per esperimenti didattici in ambito scientifico. Un esempio di telefono meccanico è quello realizzato da Robert Hooke nel 1667. [1]

Telefono elettrico

Il telefono elettrico è un telefono che trasmette il suono sotto forma di onde elettromagnetiche a radiofrequenza, ed è in grado di ricevere il suono così trasmesso. In ragione dell'efficienza e delle prestazioni che è in grado di offrire, il telefono elettrico è il telefono che caratterizza la telefonia moderna. Inerentemente il funzionamento di base del telefono elettrico, due sono le tipologie principali di telefoni elettrici. Una tipologia (la prima ad essere realizzata, ma ancora oggi molto utilizzata) è quella che fa variare, in modo ondulatorio, la corrente elettrica in un cavo elettrico collegato agli altri apparecchi telefonici ricetrasmittenti. Tale variazione ondulatoria è chiamata " segnale elettrico". Mentre il cavo elettrico è chiamato, in ragione del suo utilizzo, " cavo telefonico". La seconda tipologia di telefono elettrico (anche questa attualmente molto utilizzata) è invece il radiotelefono.

Radiotelefono

Il radiotelefono è un telefono elettrico che trasmette il suono sotto forma di onde radio, ed è in grado di ricevere il suono così trasmesso. Sebbene comunemente utilizzato in ambito tecnico, il termine "radiotelefono" è scarsamente diffuso nel linguaggio comune dove invece sono preferiti termini più generici: per i radiotelefoni che permettono di scegliere una singola utenza telefonica con cui comunicare (come i radiotelefoni progettati per funzionare con le reti telefoniche mobili della rete telefonica generale), prevale l'uso del termine "telefono"; per i radiotelefoni che non permettono di scegliere una singola utenza telefonica con cui comunicare, prevale invece il termine "apparecchio radioricetrasmittente" (più spesso "radioricetrasmittente", per ellissi) o i termini ancora più generici "apparecchio ricetrasmittente" (più spesso "ricetrasmittente" per ellissi) e "apparecchio radio" (più spesso "radio", sempre per ellissi).

Telefono ottico

Il telefono ottico è un telefono che trasmette il suono sotto forma di luce visibile, infrarossa, o ultravioletta, ed è in grado di ricevere il suono così trasmesso. Un esempio di telefono ottico è il fotofono realizzato da Alexander Graham Bell nel 1880. Tale telefono ottico trasmette la luce in spazi aperti e liberi da ostacoli. Telefoni ottici che trasmettono la luce nella fibra ottica non sono mai stati proposti in commercio in quanto, relativamente ai costi di installazione della fibra ottica, non concorrenziali con i telefoni elettrici. Attualmente la fibra ottica è comunque ampiamente utilizzata nelle moderne reti telefoniche caratterizzate da un'ampia estensione (ad esempio nella rete telefonica generale), in particolare prevalentemente nelle tratte principali di tali reti. All'inizio di tali tratte il suono passa quindi dall'essere rappresentato in forma di onde elettromagnetiche a radiofrequenza, all'essere rappresentato in forma di luce. Al termine di tali tratte avviene invece l'opposto.

In base all'installazione

Telefono fisso

Un telefono con filo costituito da un unico blocco hardware

Il telefono fisso è un telefono che, per funzionare, deve essere installato in un luogo. Attualmente il tipico telefono fisso è un telefono elettrico che per funzionare deve essere collegato all' impianto telefonico mediante apposito cavo telefonico. Un unico cavo telefonico fornisce sia il segnale (voce e Internet) che l'alimentazione elettrica del telefono, che quindi non deve essere collegato alla rete elettrica domestica: ciò ha il duplice vantaggio di rendere il telefono funzionante anche quando viene meno l'erogazione della corrente elettrica, che di azzerare l'emissione di onde elettromagnetiche ( elettrosmog). Tale cavo rappresenta una peculiarità del telefono fisso: nessun cavo è infatti necessario per il collegamento del telefono mobile all'impianto telefonico.

Tale peculiarità rappresenta la principale differenza tra telefono fisso e telefono mobile, e, come è facile intuire, un vincolo inderogabile alla mobilità di chi utilizza il telefono fisso. La maggior parte dei moderni telefoni fissi sono costituiti da due blocchi hardware: un blocco è destinato ad essere appoggiato su un ripiano e/o appeso ad una parete, l'altro blocco è destinato ad essere tenuto in mano. Il primo blocco è chiamato "base", il secondo blocco è chiamato "microtelefono". [2] Nel microtelefono è presente un microfono e un altoparlante, necessari rispettivamente alla trasmissione e all'ascolto del suono. Durante l'utilizzo del telefono, per poter far sentire la propria voce all'interlocutore telefonico e contemporaneamente sentire la sua voce, è necessario avvicinare il microfono e l'altoparlante rispettivamente alla bocca e all' orecchio.

Il termine "microtelefono" è utilizzato prevalentemente in ambito tecnico. Nel linguaggio comune prevale invece l'uso del termine "cornétta". Tale termine ha origini storiche: inizialmente sia il microfono che l'altoparlante del microtelefono erano infatti dotati di cornetto acustico. Oggi tale soluzione costruttiva, finalizzata a migliorare l'efficienza del microfono e dell'altoparlante del microtelefono, non è più necessaria e quindi non è più utilizzata. Nonostante ciò si continua ad utilizzare il termine "cornetta" per indicare il microtelefono. Nella base dei moderni telefoni fissi, progettati per operare in una rete telefonica fissa, è presente una tastiera numerica, necessaria alla selezione della singola utenza telefonica con cui si desidera comunicare. La selezione avviene digitando sulla tastiera il numero telefonico corrispondente.

Due sono le tipologie principali di telefoni fissi:

Un telefono con filo costituito da due blocchi hardware [3]
  • telefono con filo;
  • telefono senza filo.

Tutti i telefoni fissi appartengono ad almeno una di queste due tipologie di telefoni fissi che però non sono mutuamente esclusive: un telefono fisso può anche essere sia un telefono con filo che un telefono senza filo. Comunque non sono molto diffusi i telefoni fissi appartenenti ad entrambe le tipologie.

Telefono con filo

Il telefono con filo (anche chiamato "telefono corded") è un telefono fisso costituito da un unico blocco hardware o da più blocchi hardware ma tutti collegati tra loro mediante apposito cavo telefonico. Da un punto di vista storico, rispetto al telefono senza filo, il telefono con filo è stato realizzato prima. Attualmente, nonostante offra una mobilità più limitata rispetto al telefono senza filo, il telefono con filo è ancora molto diffuso. Principalmente perché i telefoni con filo più semplici non necessitano di essere collegati alla rete elettrica. Tale collegamento è invece necessario per i telefoni senza filo.

Telefono senza filo
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Telefono cordless.
Un telefono senza filo [4]

Il telefono senza filo (anche chiamato "telefono cordless") è un telefono fisso normalmente costituito da due blocchi hardware, la base e il microtelefono, i quali sono collegati non mediante un cavo telefonico (come nel telefono con filo) ma via radio. La comunicazione tra la base e il microtelefono del telefono senza filo avviene infatti mediante onde radio. Sia nella base che nel microtelefono del telefono senza filo sono presenti quindi un radiotrasmettitore e un radioricevitore. In tal modo il telefono senza filo offre la mobilità tipica del telefono mobile, ma tale mobilità normalmente è limitata a poche centinaia di metri. Tale è infatti la portata tipica dei due radiotrasmettitori presenti nel telefono senza filo.

Il microtelefono del telefono senza filo di norma è alimentato da una o più batterie ricaricabili incorporate nel microtelefono. Per ricaricare tali batterie è necessario riporre il microtelefono in un alloggiamento appositamente allestito nella base del telefono senza filo. Di norma la base del telefono senza filo è collegata non solo all' impianto telefonico mediante un apposito cavo telefonico, ma anche alla rete elettrica mediante un apposito cavo elettrico. Il collegamento alla rete elettrica è infatti necessario per la ricarica delle batterie presenti nel microtelefono del telefono senza filo.

Telefono mobile

Il telefono mobile è un telefono che, per funzionare, non deve essere installato in un luogo. Il telefono mobile è preferito al telefono fisso quando nell'utilizzarlo non si vuole avere vincoli di mobilità. Differentemente dal telefono fisso infatti, il telefono mobile non si collega all' impianto telefonico mediante cavo telefonico e ciò permette un utilizzo del telefono mobile privo di vincoli di mobilità in aree geografiche potenzialmente illimitate. Le uniche restrizioni alla mobilità dell'utente telefonico sono infatti date dalla copertura geografica dell'impianto telefonico mobile che normalmente è una rete telefonica mobile in grado di servire aree geografiche molto ampie. Per collegarsi all'impianto telefonico il telefono mobile utilizza invece un radioricetrasmettitore e la comunicazione passa su onde radio.

Due sono le tipologie principali di telefoni mobili:

  • telefono veicolare;
  • telefono trasportabile.
Il microtelefono di un telefono veicolare installato in un' automobile [5]
Telefono veicolare

Il telefono veicolare è stato una tipologia di telefono mobile, ed era installato principalmente nei veicoli a partire dagli anni ottanta fino ai primi anni duemila. Come i telefoni fissi più comuni, il telefono veicolare normalmente era costituito da due blocchi hardware: un blocco era incorporato nel veicolo o semplicemente fissato, l'altro blocco era il microtelefono. Quest'ultimo si collegava al primo blocco mediante un apposito cavo telefonico. Come tutti i telefoni mobili, anche il telefono veicolare era alimentato elettricamente. Tale alimentazione normalmente era fornita dalla batteria elettrica presente nel veicolo, batteria a cui il telefono veicolare era collegato. Come è facile intuire, il telefono veicolare offriva quindi una mobilità legata a quella del veicolo: l'utente telefonico può telefonare solo dal veicolo.

Gli abbonamenti per permettere il corretto funzionamento della rete mobile sui telefoni veicolari erano stipulabili tramite aziende, che a loro volta stipulavano il contratto con l'allora compagnia telefonica SIP, unica in Italia ad offrire tali tipi di abbonamenti, o direttamente a quest'ultima.

Con la chiusura di SIP e conseguentemente dei contratti stipulabili, l'avvento e lo sviluppo sempre più crescente della telefonia mobile, i telefoni veicolari sono resistiti fino ai primi anni duemila, periodo in cui progressivamente sono stati dismessi nei nuovi modelli di automobili e soppiantati con radio e/o computer di bordo in grado di offrire una connessione Bluetooth con i nuovi telefoni dotati dello stesso tipo di connessione.

Telefono trasportabile
Un telefono trasportabile avente le dimensioni di un borsello da uomo

Il telefono trasportabile è stato un telefono mobile che poteva essere trasportato da una sola persona. Era realizzato in modo tale da essere trasportato a spalla (sulla schiena o su un fianco) oppure a mano. Questa tipologia di telefono mobile era in grado di offrire la massima mobilità in quanto non legata, come nel telefono veicolare, alla mobilità del veicolo. I primi telefoni trasportabili della storia avevano le dimensioni di una valigia di media grandezza. Con il progredire della tecnologia, l'ingombro del telefono trasportabile e progressivamente diminuì. Prima sono stati disponibili in commercio telefoni trasportabili contenuti in una valigetta ventiquattrore, poi telefoni trasportabili aventi le dimensioni di un borsello da uomo. Erano dotati di apposita maniglia per il trasporto a mano e di tracolla per il trasporto a spalla. Tutti questi telefoni erano costituiti da almeno due blocchi hardware, uno dei quali è il microtelefono. Il microtelefono si collegava al restante hardware mediante apposito cavo telefonico. Infine è nato il telefono portatile.

Telefono portatile
A destra un telefono palmare. A sinistra un telefono portatile non palmare e non da polso

Il telefono portatile (anche chiamato semplicemente "portatile") è un telefono trasportabile costituito da un unico blocco hardware avente al massimo le dimensioni di un microtelefono. È a partire dagli anni Quaranta del XX secolo che i progressi tecnologici in ambito elettronico permettono di realizzare telefoni aventi le dimensioni del blocco hardware che in altri telefoni costituisce solo il microtelefono. Il telefono portatile rappresenta una svolta nella telefonia mobile perché, per la prima volta nella storia, l'utente telefonico mobile dispone di un telefono mobile poco ingombrante e quindi in grado di offrire la praticità desiderata.

Precedentemente l'avvento del telefono portatile, il telefono trasportabile non era molto diffuso. A causa delle sue dimensioni molto ingombranti era utilizzato principalmente in ambito militare oppure da uomini politici e d'affari. Solo con l'avvento del telefono portatile il telefono trasportabile inizia ad avere ampia diffusione. I primi prototipi di telefoni portatili in grado di funzionare con una rete telefonica mobile della rete telefonica generale sono degli anni Settanta del XX secolo, ma è solo nel decennio successivo che inizia la loro commercializzazione. In particolare il primo telefono portatile disponibile in commercio e in grado di funzionare con una rete telefonica mobile della rete telefonica generale, il Motorola DynaTAC 8000X, è uscito nel 1983. Due sono le sottotipologie principali di telefoni portatili:

  • telefono palmare;
  • telefono da polso.
Telefono palmare

Il telefono palmare (anche chiamato semplicemente "palmare" o familiarmente "telefonino") è un telefono portatile avente dimensioni sufficientemente contenute da poter stare interamente sul palmo della mano di una persona adulta. Telefono palmari in grado di funzionare con le reti telefoniche mobili della rete telefonica generale iniziano ad essere disponibile in commercio a partire dagli anni Novanta del XX secolo e oggi la maggior parte dei telefoni trasportabili introdotti sul mercato sono telefoni palmari. È con il telefono palmare che la telefonia mobile esplode, da un punto di vista commerciale, in tutto il mondo. Grazie alle sue dimensioni estremamente ridotte, il telefono palmare è infatti in grado di offrire grande praticità di utilizzo e di trasporto. Contribuisce alla sua attuale diffusione di massa, non solo le dimensioni particolarmente contenute, ma anche l'abbassamento del prezzo. Se i primi modelli di telefoni palmari disponibili in commercio costavano qualche centinaio degli attuali euro, oggi i modelli più economici costano poche decine di euro. Una sottotipologia di telefono palmare è lo smartphone: un telefono palmare che integra un personal digital assistant e altri apparecchi come ad esempio una fotocamera o un camcorder.

Telefono da polso
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tempofonino.
Un telefono da polso

Il telefono da polso (anche chiamato "watch phone" o familiarmente "tempofonino") è un telefono portatile che si può indossare al polso. A tale scopo è infatti dotato di cinturino. Il telefono da polso si indossa in modo del tutto analogo all' orologio da polso, la cui funzione può essere sostituita dal telefono da polso in quanto di norma anche dotato di orologio. È a partire dal 1999 con il Samsung SPH-WP10, il primo telefono da polso disponibile in commercio, che i progressi in ambito elettronico permettono di contenere in spazi così ristretti quello che soltanto trent'anni prima occupava un'intera valigia di media grandezza.

In base all'impianto telefonico utilizzato

Telefono cellulare

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Telefono cellulare.

Il telefono cellulare (anche chiamato semplicemente "cellulare") è un telefono in grado di funzionare con una rete telefonica cellulare. Nella seconda metà del XX secolo il telefono cellulare ha rivoluzionato le reti telefoniche pubbliche di tutto il mondo permettendo l'utilizzo di tali reti attraverso la telefonia mobile. Inizialmente infatti le reti telefoniche pubbliche offrivano esclusivamente la telefonia fissa. In particolare è a partire dagli anni Novanta del XX secolo, con la diffusione del sistema di telefonia cellulare GSM e la disponibilità in commercio di economici telefoni palmari compatibili con tale sistema, che il telefono cellulare diventa un prodotto di massa.

Telefono satellitare

Un telefono satellitare portatile

Il telefono satellitare (anche chiamato semplicemente "satellitare") è un telefono che trasmette il suono a una stazione telefonica collocata su un satellite per telecomunicazioni e/o riceve il suono da una tale stazione telefonica. Il telefono satellitare può essere sia un telefono fisso che un telefono mobile. Se è un telefono fisso è chiamato più specificatamente "telefono satellitare fisso" o "telefono fisso satellitare". Se invece è un telefono mobile è chiamato più specificatamente "telefono satellitare mobile" o "telefono mobile satellitare". Anche se sono possibili altri metodi, la trasmissione del suono dal telefono satellitare al satellite per telecomunicazioni, o dal satellite per telecomunicazioni al telefono satellitare, normalmente è realizzata mediante onde radio.

Normalmente quindi la stazione telefonica collocata sul satellite per telecomunicazioni è una stazione radiotelefonica e il telefono satellitare è un radiotelefono. A partire dagli anni Novanta del XX secolo il telefono satellitare è stato proposto in commercio, parallelamente alla realizzazione di reti telefoniche satellitari, con l'intento di soppiantare il telefono cellulare o almeno diventare il telefono mobile di riferimento per gli utenti delle reti telefoniche pubbliche. Da tale confronto il telefono satellitare è uscito però sconfitto, principalmente per l'impossibilità di utilizzare telefoni satellitari portatili all'interno di edifici (tale utilizzo è invece possibile con i telefoni cellulari portatili). Oggi il telefono satellitare è comunque diffuso perché le attuali reti telefoniche satellitari coprono meglio la superficie della Terra. In alcune zone della Terra, scarsamente popolate, il telefono satellitare rappresenta infatti l'unica soluzione per chi desidera utilizzare la rete telefonica generale.

En otros idiomas
Afrikaans: Telefoon
Alemannisch: Telefon
አማርኛ: ስልክ
aragonés: Telefón
Ænglisc: Feorrspreca
العربية: هاتف
ܐܪܡܝܐ: ܙܥܘܩܐ
مصرى: تليفون
asturianu: Teléfonu
azərbaycanca: Telefon
تۆرکجه: تلفون
башҡортса: Телефон
žemaitėška: Tilipuons
беларуская: Тэлефон
беларуская (тарашкевіца)‎: Тэлефон
български: Телефон
भोजपुरी: टेलीफोन
বাংলা: টেলিফোন
brezhoneg: Pellgomz
bosanski: Telefon
català: Telèfon
Mìng-dĕ̤ng-ngṳ̄: Diêng-uâ
нохчийн: Телефон
Tsetsêhestâhese: Aseéestsestôtse
کوردی: تەلەفۆن
čeština: Telefon
Чӑвашла: Телефон
Cymraeg: Ffôn
dansk: Telefon
Deutsch: Telefon
Thuɔŋjäŋ: Cɔ̈tmec
Zazaki: Têlefon
Ελληνικά: Τηλέφωνο
English: Telephone
Esperanto: Telefono
español: Teléfono
eesti: Telefon
euskara: Telefono
فارسی: تلفن
suomi: Puhelin
Võro: Telehvon
français: Téléphone
Gaeilge: Guthán
贛語: 電話
Gàidhlig: Fòn
galego: Teléfono
Avañe'ẽ: Pumbyry
Gaelg: Çhellvane
עברית: טלפון
हिन्दी: दूरभाष
hrvatski: Telefon
Kreyòl ayisyen: Telefòn
Հայերեն: Հեռախոս
interlingua: Telephono
Bahasa Indonesia: Telepon
Interlingue: Telefon
Iñupiak: Uqautitaun
íslenska: Sími
日本語: 電話機
Patois: Telifuon
la .lojban.: fonxa
Basa Jawa: Tilpun
ქართული: ტელეფონი
қазақша: Телефон
kalaallisut: Oqarasuaat
ភាសាខ្មែរ: ទូរស័ព្ទ
ಕನ್ನಡ: ದೂರವಾಣಿ
한국어: 전화
къарачай-малкъар: Телефон
कॉशुर / کٲشُر: ٹیلِفون
Ripoarisch: Tellefoon
Kurdî: Telefon
Latina: Telephonum
Ladino: Telefon
Lëtzebuergesch: Telefon
Limburgs: Tillefoean
lingála: Ebengeli
lietuvių: Telefonas
latviešu: Telefons
Malagasy: Telefaonina
македонски: Телефон
മലയാളം: ടെലിഫോൺ
मराठी: दूरध्वनी
Bahasa Melayu: Telefon
မြန်မာဘာသာ: တယ်လီဖုန်း
Nāhuatl: Huehcacaquiztli
Napulitano: Telèfene
Nedersaksies: Tillefoon
नेपाली: टेलिफोन
Nederlands: Telefoontoestel
norsk nynorsk: Telefon
norsk: Telefon
occitan: Telefòn
Livvinkarjala: Telefon
ਪੰਜਾਬੀ: ਟੈਲੀਫ਼ੋਨ
Deitsch: Foohn
Pälzisch: Telefon
polski: Telefon
Piemontèis: Teléfon
پنجابی: ٹیلی فون
پښتو: غږلېږدی
português: Telefone
Runa Simi: Karu rimay
română: Telefon
armãneashti: Telefonu
русский: Телефон
русиньскый: Телефон
संस्कृतम्: दूरवाणी
саха тыла: Төлөппүөн
sicilianu: Telèfunu
Scots: Telephone
srpskohrvatski / српскохрватски: Telefon
සිංහල: දුරකථනය
Simple English: Telephone
slovenčina: Telefón
slovenščina: Telefon
Gagana Samoa: Telefoni
chiShona: Runhare
Soomaaliga: Taleefoon
shqip: Telefoni
српски / srpski: Телефон
Basa Sunda: Telepon
svenska: Telefon
Kiswahili: Simu
தமிழ்: தொலைபேசி
తెలుగు: టెలీఫోను
тоҷикӣ: Телефон
Tagalog: Telepono
Türkçe: Telefon
татарча/tatarça: Телефон
українська: Телефон
اردو: فون
oʻzbekcha/ўзбекча: Telefon
vepsän kel’: Telefon
Tiếng Việt: Điện thoại
walon: Telefone
Winaray: Telepono
吴语: 电话
მარგალური: ტელეფონი
ייִדיש: טעלעפאן
中文: 电话
文言: 電話
Bân-lâm-gú: Tiān-ōe
粵語: 電話