Spagna romana

Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Hispania" rimanda qui. Se stai cercando l'omonimo comune della Colombia, vedi Hispania (Colombia).
Spagna
Informazioni generali
Nome ufficiale(LA) Hispania
CapoluogoTarraco (Hispania Citerior) e
Corduba (Hispania Ulterior);
poi Emerita Augusta (Merida)
Dipendente daRepubblica romana
Vexilloid of the Roman Empire.svg Impero romano
Suddiviso inSpagna citeriore, Spagna ulteriore
Amministrazione
Forma amministrativaProvincia romana
GovernatoriGovernatori romani della Hispania
Evoluzione storica
Inizio206 a.C.[1]
Causaseconda guerra punica
Fineinizi del V secolo
Causainvasioni barbariche del V secolo
Preceduto daSucceduto da
Spagna cartagineseRegno dei Visigoti e regno dei Suebi
Cartografia
Conquista Hispania.svg
La conquista dell'Iberia e la formazione, via via, delle provincie romane

Per Spagna romana si intende quel periodo storico in cui la penisola iberica passò sotto controllo romano.

Espulsi i Cartaginesi dalla Spagna nel corso della seconda guerra punica (206 a.C.), Roma fondò la nuova provincia[1] e iniziò una lenta occupazione della penisola, che si prolungò per buona parte del II secolo a.C. Le province iberiche vennero, infatti, interessate da una serie di rivolte e azioni di conquista, che comportarono frequentemente l'invio di eserciti guidati dai consoli. Nei primi decenni dell'occupazione infatti i romani si trovarono di fronte alla guerriglia scatenata dal capo lusitano Viriato, che culminò con la presa della città celtibera di Numanzia (133 a.C.). Solo al termine di tali eventi bellici (a cavallo fra la fine del II e i primi anni del I secolo a.C.), che successivamente si salderanno con le guerre civili della tarda età repubblicana, combattute in parte in Iberia, il potere romano sulle due province poté considerarsi pienamente consolidato (anche se si estenderà a tutta la penisola solo dopo l'assoggettamento dei Cantabri in età augustea).

L'occupazione romana culminò con la creazione delle province hispaniche. Il nome deriva dal termine di probabile origine punica Hispania o Ispania, che significa terra di conigli. Appare in letteratura e in storiografia fin dalla tarda età repubblicana: anche Tito Livio utilizza i termini di Hispania e di Hispani (o Hispanici) per designare il territorio iberico e i popoli che lo abitavano.

Dopo quasi sette secoli di ininterrotta dominazione romana, l'Hispania assorbì totalmente la cultura latina, ne adottò la lingua, i costumi e le leggi, acquisendo un'importanza fondamentale all'interno dell'Impero romano, tanto da dare i natali a due imperatori: Traiano e Teodosio I (sulla nascita ispanica di Adriano sussistono seri dubbi) e ad alcuni importanti scrittori (fra cui Seneca e Marziale).

En otros idiomas
Alemannisch: Hispanien
العربية: هسبانيا
asturianu: Hispania
azərbaycanca: Hispaniya
беларуская: Рымская Іспанія
brezhoneg: Hispania
català: Hispània
čeština: Hispánie
Cymraeg: Hispania
dansk: Hispania
Deutsch: Hispanien
English: Hispania
español: Hispania
euskara: Hispania
فارسی: هیسپانیا
suomi: Hispania
français: Hispanie
Frysk: Hispanje
galego: Hispania
עברית: היספניה
hrvatski: Hispanija
magyar: Hispania
Bahasa Indonesia: Hispania
日本語: ヒスパニア
한국어: 히스파니아
kurdî: Hispania
Lingua Franca Nova: Hispania
македонски: Хиспанија
Bahasa Melayu: Hispania
norsk: Hispania
occitan: Ispània
português: Hispânia
srpskohrvatski / српскохрватски: Hispanija
slovenčina: Hispánia
shqip: Hispania
српски / srpski: Хиспанија
svenska: Hispania
Türkçe: Hispania
українська: Римська Іспанія
اردو: ہسپانیا
Tiếng Việt: Hispania