Shogunato Tokugawa

Shogunato Tokugawa
Shogunato Tokugawa – Bandiera Shogunato Tokugawa - Stemma
( dettagli) ( dettagli)
Dati amministrativi
Nome completo Tokugawa bakufu
Nome ufficiale 徳川幕府
Lingue ufficiali Giapponese
Lingue parlate Giapponese
Capitale Edo (odierna Tokyo)
Dipendenze Regno delle Ryūkyū (dal 1609)
Politica
Forma di Stato Stato feudale
Forma di governo Dittatura militare
Imperatore Elenco
Shōgun Clan Tokugawa
Nascita 24 marzo 1603 con Tokugawa Ieyasu
Causa Fine dell' Epoca Sengoku
Fine 3 gennaio 1868 con Tokugawa Yoshinobu
Causa Rinnovamento Meiji
Territorio e popolazione
Bacino geografico Arcipelago giapponese
Suddivisione Province del Giappone
Economia
Valuta Ryō
Commerci con Flag of the Qing Dynasty (1889-1912).svg Cina
Flag of the king of Joseon.svg Corea
Prinsenvlag.svg Compagnia olandese delle Indie orientali
Ryūkyū
Popolazioni Ainu
(vedi Sakoku)
Religione e società
Religioni preminenti Buddhismo, Shintoismo
Religioni minoritarie Cristianesimo
Classi sociali Feudatari, samurai, contadini, artigiani, borghesi
Shogunato Tokugawa - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da Reggenza Toyotomi
Succeduto da Flag of Japan (1870-1999).svg Impero del Giappone
Ora parte di Giappone Stato del Giappone
Il mon (blasone) del clan Tokugawa rappresentava un fiore di malvarosa
Stampa d'epoca raffigurante Tokugawa Ieyasu

Lo shogunato Tokugawa (徳川幕府 Tokugawa bakufu ?, 1603- 1868), conosciuto anche come Tokugawa shōgun-ke (徳川将軍家 ? famiglia di shōgun Tokugawa) o Edo bakufu (江戸幕府 shogunato di Edo ?) fu l'ultimo governo feudale del Giappone.

Il dominio dello shogunato ebbe inizio ufficialmente dal 1603, anno in cui Tokugawa Ieyasu venne nominato shōgun dall'imperatore, e si concluse nel 1868 quando l'ultimo shōgun, Tokugawa Yoshinobu, fu costretto a dimettersi dopo la guerra Boshin.

La capitale dello shogunato era Edo [1], l'odierna Tokyo; la famiglia Tokugawa risiedeva nel Castello Nijō.

Storia

XVII secolo

Dopo la vittoria nella Battaglia di Sekigahara, nel 1603 Tokugawa Ieyasu fu nominato shōgun dall'imperatore Go-Yozei.

Dopo la nomina Tokugawa prese il potere, togliendo ogni effettiva forza politica all'imperatore. Ieyasu fu il primo dei quindici shōgun della dinastia Tokugawa. [1]

Il boom urbano e finanziario

Il Seicento fu il secolo del boom urbano giapponese.

Oltre ad Edo, che era notevolmente cresciuta grazie alla presenza del governo Tokugawa, [2] anche Osaka si sviluppò notevolmente diventando il cuore mercantile e finanziario del paese. [3]

Lì fu istituito nel 1670 il Junin Ryogae, un prototipo della banca centrale. I dieci banchieri che vi sedevano rappresentavano le più forti corporazioni di Osaka  ed avevano il monopolio delle operazioni creditizie. [4]

Lo sviluppo delle campagne

A partire dal Seicento anche le campagne subirono uno sviluppo notevole e ci fu una notevole crescita della produzione e del territorio coltivato. [5]

In particolare questo sviluppo fu riscontrato nella pianura del Kanto e nelle zone intorno a Kanazawa, Niigata e Sendai dove sorsero 400 nuovi villaggi su terre bonificate. [6]

Le cause che aiutarono molto questo sviluppo furono:

  • La disponibilità di grandi quantità di forza-lavoro data dalla smobilitazione degli eserciti dopo più di un secolo di guerre ininterrotte,
  • Il periodo di tranquillità che seguì l'ascesa dei Tokugawa, [7]
  • Il favorevole trattamento fiscale,
  • La sicurezza del possesso.

XVIII secolo

Nei primi anni del Settecento i Tokugawa furono impegnati principalmente nel tentativo di ripristinare l'ordine sui mercati monetari nei grandi centri urbani e di ridimensionare il ruolo dei ceti mercantili cittadini.

Si accordarono con i ceti mercantili in modo che i debiti dell'aristocrazia fossero consolidati o cancellati in cambio della gestione esclusiva dei mercanti delle borse merci.

Ci fu una saturazione delle imprese economiche e commerciali che portò ad un arresto delle crescita demografica. [8]

XVII–XIX secolo

Negli anni a cavallo fra il Settecento e l'Ottocento ci fu un'espansione delle aree rurali.

Tra il 1830 e il 1850 la struttura corporativa urbana entrò in crisi.

Osaka perse gran parte della sua popolazione in pochi anni.

Sul piano politico la situazione si fece tesa poiché la fossilizzazione del governo Tokugawa aveva grandemente indebolito le capacità di mantenere un controllo centralizzato da parte di Edo. Alcuni feudi incominciarono ad emanare leggi rendendosi più indipendenti e alcuni instaurarono rapporti con l'occidente.

Nel 1868 alcuni feudatari, guidati dall'imperatore, scatenarono la guerra civile Boshin. La guerra portò alle dimissioni di Yoshinobu Tokugawa e l'imperatore riprese il potere dando così inizio al periodo Meiji. [9]

En otros idiomas
azərbaycanca: Tokuqava sülaləsi
Bikol Central: Shogunato kan Tokugawa
беларуская: Сёгунат Такугава
bosanski: Tokugawa
magyar: Edo-bakufu
Bahasa Indonesia: Keshogunan Tokugawa
日本語: 江戸幕府
ქართული: ტოკუგავა
한국어: 에도 막부
Bahasa Melayu: Kesyogunan Tokugawa
Nederlands: Tokugawa-shogunaat
português: Xogunato Tokugawa
srpskohrvatski / српскохрватски: Šogunat Tokugawa
Simple English: Tokugawa shogunate
српски / srpski: Шогунат Токугава
svenska: Tokugawa
татарча/tatarça: Tokugawa sögunatı
українська: Сьоґунат Едо
Tiếng Việt: Mạc phủ Tokugawa
吴语: 江户幕府
中文: 江户幕府
文言: 江戶幕府
Bân-lâm-gú: Edo bō͘-hú
粵語: 江戶幕府