Seconda guerra sino-giapponese

Seconda guerra sino-giapponese
parte della Guerra del Pacifico
Second Sino-Japanese War collection.png
Dall'alto a sinistra in senso orario: truppe da sbarco della Marina imperiale giapponese, dotate di maschere antigas, in azione tra le macerie di Shanghai; una Type 92 nipponica in postazione; vittime del massacro di Nanchino sulle rive del fiume Qinhuai; mitraglieri cinesi impegnati nella battaglia di Wuhan; bombardamento giapponese di Chongqing; corpo di spedizione cinese in India
Data7 luglio 1937 - 2 settembre 1945
LuogoCina
Casus belliIncidente del ponte di Marco Polo
EsitoVittoria cinese, resa incondizionata giapponese
Modifiche territorialiPerdita giapponese della Manciuria, delle isole Pescadores e di Taiwan
Schieramenti
Cina Cina
Supporto da:
URSS URSS (1937-1941, 1945)
Stati Uniti Stati Uniti (dal 1941)
Regno Unito Regno Unito (dal 1942)
Flag of Japan (1870–1999).svg Giappone
Flag of Manchukuo.svg Manciukuò
Flag of the Mengjiang.svg Mengjiang
Flag of the Republic of China-Nanjing (Peace, Anti-Communism, National Construction).svg Repubblica di Nanchino
Comandanti
Effettivi
5.600.000 Cinesi (incluse le truppe sotto il controllo del Partito Comunista Cinese)
900 aerei statunitensi (1945)[1]
3.665 consiglieri e piloti sovietici[2]
4.100.000 Giapponesi[3] (inclusi 900.000 collaborazionisti cinesi[4])
Perdite
3.200.000 militari (inclusi feriti, uccisi e dispersi)[5],
17.000.000-22.000.000 civili morti[6]
480.000 morti e dispersi e 1.100.000 feriti
1 Chiang Kai-shek guidò un fronte unito cinese che comprendeva nazionalisti, comunisti e signori della guerra regionali.
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La Seconda guerra sino-giapponese (7 luglio 1937 - 2 settembre 1945) fu il maggiore conflitto mai avvenuto tra la Repubblica di Cina e l'Impero giapponese. Combattuta prima e durante la Seconda guerra mondiale terminò con la resa incondizionata del Giappone il 2 settembre 1945, che mise fine alla Seconda guerra mondiale. La Seconda guerra sino-giapponese fu il più grande conflitto asiatico del XX secolo.[7]

L'invasione della Cina costituiva parte del progetto strategico complessivo giapponese per assumere il controllo dell'Asia. Le prime avvisaglie di questo piano sono comunemente conosciute come "incidenti cinesi", fatti che la propaganda giapponese attribuì alla Cina in modo da legittimare le successive invasioni. L'Incidente di Mukden nel 1931 fu il casus belli dell'occupazione della Manciuria da parte del Giappone, mentre l'Incidente del ponte di Marco Polo segnò l'inizio dello scontro totale tra i due stati. La Cina non dichiarò ufficialmente guerra al Giappone fino al dicembre 1941, per timore di alienarsi gli aiuti delle potenze occidentali; una volta che il Giappone fu entrato in guerra contro gli Alleati, la Cina fu sciolta da questo vincolo e poté dichiarare apertamente guerra alle Potenze dell'Asse.[8]

Dal 1937 al 1941 la Cina combatté da sola, mentre dopo l'attacco di Pearl Harbor a fianco dei cinesi si schierarono anche le forze alleate, sia statunitensi sia sovietiche, che fornirono materiali, uomini e servizi addestrativi alle forze comandate da Chiang Kai-shek. Dopo la resa del Giappone, nazionalisti e comunisti cinesi tornarono a scontrarsi per il controllo del Paese, avviando così l'ultima fase della guerra civile cinese.

En otros idiomas
客家語/Hak-kâ-ngî: Chûng-koet Khong-ngit Chan-chên
日本語: 日中戦争
한국어: 중일 전쟁
srpskohrvatski / српскохрватски: Drugi japansko-kineski rat
Simple English: Second Sino-Japanese War
文言: 抗戰
粵語: 抗日戰爭