Sciatalgia

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sciatalgia
Gray1244.png
Anca sinistra, è evidenziato il decorso del nervo sciatico
Specialitàortopedia e neurologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
724.3
M54.4
D012585
000686
827016
Sinonimi
Sciatica

In medicina per sciatalgia o sciatica si intende un dolore che si irradia sulla gamba dalla parte posteriore.[1] Questo dolore può partire dalla schiena, al di fuori o anteriormente alla gamba. Tipicamente, questi sintomi appaiono solo su un lato del corpo. Alcune cause, tuttavia, possono provocare dolore su entrambi i lati. A volte, ma non sempre, è presente anche il mal di schiena e lombalgia. Sintomi neurologici come debolezza anche cronica o intorpidimento possono verificarsi in varie parti della gamba e del piede (es. piede cadente o discinesie).[2]

La causa primaria è una radicolopatia, o meno frequentemente una mielopatia o una neuropatia, ai danni della radice del nervo ischiatico, dovute a diversa origine: circa il 90% dei casi di sciatica sono dovuti ad una ernia del disco che preme su una delle vertebre lombari o sulle radici del nervo sacrale.[3] Altre patologie che possono portare alla sciatica includono la spondilolistesi, la stenosi spinale, la sindrome del piriforme[4][5], la spondilosi vertebrale, la spondilite anchilosante, tumori pelvici, lesioni spinali, infezioni dei dischi vertebrali[6][7] e compressione dovuta alla testa di un feto durante la gravidanza.[8] Può comparire nelle prime fasi della sindrome della cauda equina.

Il test della sensibilizzazione della gamba è spesso utile nella diagnosi. Il test è positivo se, quando la gamba viene sollevata mentre una persona è sdraiata sulla schiena, il dolore appare sotto il ginocchio.[2] Nella maggior parte dei casi non è necessario ricorrere all'imaging biomedico. Le eccezioni a questo test avvengono quando vi è influenzato l'intestino o la funzionalità della vescica, quando vi è una significativa perdita di sensibilità o debolezza, quando i sintomi persistono per lungo tempo o vi è una preoccupazione riguardo ad un tumore o a un'infezione.[9] Le condizioni che si possono presentare in modo simile sono le malattie dell'anca.[2]

Il trattamento iniziale è di solito effettuato grazie alla somministrazione di farmaci per il dolore.[9] In generale si raccomanda che le persone continuino con le loro attività al meglio delle loro capacità.[2] Spesso tutto ciò che è necessario è il tempo e in circa il 90% delle persone il problema si risolve in meno di sei settimane. Se il dolore è grave e dura per più di sei settimane, allora la chirurgia può essere un'opzione.[9] Mentre la chirurgia spesso accelera il miglioramento del dolore, benefici a lungo termine non sono chiari.[2] L'intervento chirurgico può rendersi necessario se si verificano complicanze, come problemi all'intestino o alla vescica.[9] Molti trattamenti, tra cui: steroidi, gabapentin, l'agopuntura, il calore o il ghiaccio e la manipolazione vertebrale hanno poche prove a loro sostegno.[2][10]

A seconda della definizione, dal 2% al 40% delle persone hanno la sciatica a un certo punto della loro vita.[3] Si presenta più frequentemente tra i 40 e i 50 anni e nel sesso maschile.[2][9] La condizione è nota fin dai tempi antichi.[2] Il primo uso conosciuto delle parola "sciatica" risale al 1451.[2][11]

En otros idiomas
العربية: عرق النسا
català: Ciàtica
کوردی: ڕەگ پشتی
Cymraeg: Clunwst
Deutsch: Ischialgie
Ελληνικά: Ισχιαλγία
English: Sciatica
Esperanto: Iskiatalgio
español: Ciática
eesti: Ishias
suomi: Iskias
français: Lombosciatique
Gaeilge: Sciaitíce
हिन्दी: सायटिका
日本語: 坐骨神経痛
македонски: Ишијас
Nederlands: Ischias
norsk: Isjias
ଓଡ଼ିଆ: ସିଆଟିକା
ਪੰਜਾਬੀ: ਰੀਹ ਦਾ ਦਰਦ
polski: Rwa kulszowa
português: Ciática
română: Sciatică
српски / srpski: Ишијас
svenska: Ischias
తెలుగు: సయాటికా