Pentecostalismo

Il pastore pentecostale Ben Hoekendijk mentre predica alla sua congregazione ( Utrecht, 1975)

Il pentecostalismo o movimento pentecostale è un insieme di denominazioni e chiese evangeliche del cristianesimo protestante, sviluppatosi nella seconda metà del XIX secolo; viene spesso indicato dagli studiosi di scienze delle religioni come una corrente interna al terzo protestantesimo, [1] sebbene altri sostengano che il pentecostalismo, insieme al movimento carismatico, [1] costituisca un quarto protestantesimo, [1] con caratteristiche proprie e diviso dal terzo. [1]

Le origini del movimento pentecostale sono dibattute: [2] secondo gli studiosi le quattro matrici che hanno portato alla sua nascita, e da cui ne derivano credenze e pratiche, sono il metodismo, [3] il battismo, [3] il Movimento di Santità (Holiness Movement) [2] e la religiosità afro-americana [4]. Il termine pentecostale fu usato per la prima volta intorno al 1880 tra alcune correnti interne alle chiese metodiste e battiste nordamericane[ senza fonte] che ponevano speciale enfasi sull’effusione dello Spirito Santo nel giorno di Pentecoste, come descritto negli 2).

Dottrina

Teologia e pratiche

I pentecostali, come tutti i protestanti, riconoscono come fonte primaria della fede soltanto la Bibbia: Antico Testamento (esclusi i libri che i cattolici chiamano deuterocanonici e gli altri protestanti apocrifi), Nuovo Testamento e la validità di due soli sacramenti, quelli che i pentecostali ritengono fossero stati praticati da Gesù stesso, ovvero il battesimo (solo per gli adulti) e l' Eucaristia.

I princìpi della dottrina pentecostale sono:

  • battesimo nello Spirito Santo: [5] esperienza fisica di rinnovamento spirituale dovuta alla conversione, che consiste nel ricevere la pienezza dello Spirito di Dio. Tale evento è accompagnato da varie manifestazioni dello Spirito nel corpo di chi possiede, prima fra tutte la glossolalia, [5] il "parlare in lingue" sconosciute agli esseri umani [5];
  • doni e i frutti dello Spirito Santo: particolari capacità soprannaturali, descritte nella 12,1-14), che lo Spirito Santo conferisce al credente, ovvero i " carismi" di cui parla l'apostolo Paolo nelle sue lettere, e sono: i miracoli, [6] le guarigioni [6] e la glossolalia [7] (durante i primi anni di formazione del pentecostalismo quest'ultima veniva spesso confusa con la xenoglossia, cioè il parlare in lingue umane sconosciute all'orante) [8];
  • secondo avvento di Cristo: [9] il ritorno di Gesù in un tempo intermedio alla fine dei tempi, [9] per rapire in cielo e portare con sé tutti i credenti in lui che in quel momento saranno in vita sulla terra (cfr. Rapimento della Chiesa). Tutti i credenti in lui che saranno già morti invece verranno resuscitati alla fine dei tempi e da lui assunti nei Cieli;
  • anti-denominazionalismo: [10] il rifiuto di qualunque istituzionalizzazione in chiese e denominazioni, che si esprime nella gestione autonoma di ogni singola comunità di fedeli, le quali formano strutture come i network o le "parachiese" per rimanere in contatto fra loro. [10]
En otros idiomas
العربية: خمسينية
azərbaycanca: Əllincilər
беларуская: Пяцідзясятніцтва
español: Pentecostalismo
français: Pentecôtisme
arpetan: Pentecoutismo
Gaeilge: Cincíseachas
Gàidhlig: Caingeiseachd
客家語/Hak-kâ-ngî: Ńg-sùn-chiet Yun-thung
Bahasa Indonesia: Gereja Pentakosta
қазақша: Елуліктер
한국어: 오순절주의
lingála: Nzámbe-Malámu
لۊری شومالی: پنتاکوستالیسم
lietuvių: Sekmininkai
latviešu: Pentakosti
македонски: Пентекостализам
Mirandés: Pentecostalismo
Nederlands: Pinksterbeweging
norsk nynorsk: Pinserørsla
português: Pentecostalismo
română: Penticostalism
sicilianu: Pinticustalisimu
srpskohrvatski / српскохрватски: Pentekostalizam
Simple English: Pentecostalism
slovenčina: Letničné hnutie
slovenščina: Binkoštništvo
српски / srpski: Пентекостализам
Kiswahili: Wapentekoste
Türkçe: Pentikostalizm
українська: П'ятдесятництво
oʻzbekcha/ўзбекча: Pentecostallar
Tiếng Việt: Phong trào Ngũ Tuần