Overclocking

Esempio di CPU

In informatica la pratica dell'overclocking consiste nel perseguire il miglioramento delle prestazioni di un componente elettronico di un elaboratore (in genere una CPU) mediante l'aumento della frequenza di clock rispetto a quella prevista dal produttore, marchiata sul contenitore della CPU.

Nel caso delle CPU, di cui si parla in generale ai soli fini esemplificativi, ciò che viene alterato è il segnale di clock interno del sistema, che determina quanti cicli di operazioni la CPU del computer debba eseguire nell'unità di tempo. Cambiando la frequenza alla quale questi cicli vengono eseguiti, in alcuni casi, è possibile aumentare o diminuire il numero delle operazioni nell'unità di tempo eseguite dal componente coinvolto.

A livello pratico si tratta di una operazione legale, che invalida istantaneamente la garanzia del prodotto oggetto della manipolazione. L'overclocking può essere eseguito in modo più o meno spinto, ma è in generale paragonabile al modificare la centralina di un autoveicolo affinché raggiunga il massimo delle prestazioni con rischio della compromissione della durata stessa del mezzo.

En otros idiomas
Afrikaans: Klokversnelling
العربية: تعدي الميقت
čeština: Přetaktování
Deutsch: Übertakten
Ελληνικά: Overclock
English: Overclocking
español: Overclocking
français: Overclocking
galego: Overclocking
עברית: המהרה
hrvatski: Overclocking
Bahasa Indonesia: Overclock
íslenska: Yfirstilling
한국어: 오버클럭
latviešu: Virstaktēšana
Bahasa Melayu: Overclock
Nederlands: Overklokken
ਪੰਜਾਬੀ: ਓਵਰਕਲਾਕਿੰਗ
português: Overclocking
română: Overclocking
Simple English: Overclocking
slovenčina: Pretaktovanie
српски / srpski: Оверклокинг
Türkçe: Hız aşırtma
中文: 超頻