Marcelo Torcuato de Alvear

Marcelo Torcuato de Alvear
Museo del Bicentenario - Retrato oficial recortado del Presidente Marcelo T. de Alvear.jpg
Ritratto ufficiale di Avelar con la fascia da Presidente, conservato nel Museo del Bicentenario.

Coat of arms of Argentina.svg

20º Presidente dell'Argentina

Durata mandato12 ottobre 1922 –
11 ottobre 1928
Vice presidenteElpidio González
PredecessoreHipólito Yrigoyen
SuccessoreHipólito Yrigoyen

Escudo de la UCR.svg

4° Presidente dell'Unione Unione Civica Radicale

Durata mandatodicembre 1931 - 23 marzo 1942
PredecessoreJosé María Martínez
SuccessoreGabriel Oddone

Ambasciatore d'Argentina in Francia
Durata mandato1917 - settembre 1922
PresidenteHipólito Yrigoyen
Vice presidentePelagio Luna (1917-1919)

vacante (1919-1922)

PredecessoreEnrique Larreta
SuccessoreFederico Álvarez de Toledo

Dati generali
Partito politicoUnione Civica Radicale
Titolo di studioLaurea in giurisprudenza
UniversitàUniversità di Buenos Aires
Professioneavvocato
FirmaFirma di Marcelo Torcuato de Alvear

Marcelo Torcuato de Alvear, nome completo Máximo Marcelo Torcuato de Alvear Pacheco (Buenos Aires, 4 ottobre 1868Buenos Aires, 23 marzo 1942), è stato un politico argentino, Presidente dell'Argentina dal 12 ottobre 1922 al 12 ottobre 1928.Ha sposato la famosa soprano e filantropa portoghese Regina Pacini.

Era fratello di Carlos Torcuato de Alvear, 3° figlio di Torcuato de Alvear, entrambi intenti di Buenos Aires, e nipote di Carlos María de Alvear.[1]

Ha partecipato attivamente alle rivoluzioni radicali che si sono verificate nel 1890 e 1893, con l'adesione all'Unione civica che avrebbe portato alla creazione dell'Unione Civica Radicale, fu uno dei membri dell'aristocrazia Argentina fra i primi ad aderire ad un partito popolare. Lì divenne amico di personaggi come Leandro N. Alem e Hipólito Yrigoyen, essendo segretario del primo e padrino delle armi del secondo. Nelle elezioni per il rinnovo dei seggi legislativi tenutesi dopo la riforma elettorale della legge Sáenz Peña nel 1912, Alvear fu eletto deputato, carica che ricoprì per due anni. Quando Yrigoyen assunse la presidenza nel 1916 nominò Alvear ambasciatore in Francia. Yrigoyen ha dato il suo sostegno ad Alvear per presiedere il comitato UCR, e quindi gli succede nella presidenza dell'Argentina. Alvear fu eletto presidente mentre rappresentava il suo paese in Francia. Poco dopo il suo insediamento, si verificarono delle divergenze fra le parti radicali del partito, rompendo così il rapporto tra Alvear e Yrigoyen, soprattutto quando il nuovo presidente nominò ministri che non avevano alcun rapporto con i settori yrigoyeniani.

En otros idiomas