La finta giardiniera (Mozart)

La finta giardiniera
Lingua originale italiano
Genere Opera buffa
Musica partitura online)
Libretto [1]
Fonti letterarietesto di Ranieri de' Calzabigi
Attitre
Epoca di composizionesettembre 1774 - gennaio 1775 (19 anni)
Prima rappr.13 gennaio, 1775
Teatro Teatro Cuvilliés, di Monaco di Baviera
Versioni successive
maggio 1780, Komödienstadl, Augusta: in lingua tedesca e in forma di Singspiel
Personaggi
  • Don Anchise, Podestà di Lagonero, amante di Sandrina ( tenore)
  • La Marchesa Violante, amante del Contino Belfiore, creduta morta, sotto nome di Sandrina, in abito di giardiniera ( soprano)
  • Il Contino Belfiore, primo amante di Violante, ed ora di Arminda (tenore)
  • Arminda, gentildonna Milanese, prima amante del Cavaliere Ramiro, ed ora promessa sposa al Contino Belfiore (soprano)
  • Il Cavalier Ramiro, amante di Arminda, dalla stessa abbandonato (soprano)
  • Serpetta, cameriera del Podestà, innamorata del medesimo (soprano)
  • Roberto, servo di Violante, che si finge suo cugino sotto il nome di Nardo, in abito da giardiniero, amante di Serpetta, da lei non corrisposto ( basso)
AutografoI atto: sconosciuto. II e III atto: Biblioteca Jagiellońska, Cracovia

La finta giardiniera ( K 196) è un' opera lirica di Wolfgang Amadeus Mozart, composta all'età di 19 anni.

L'opera fu commissionata a Mozart probabilmente dal principe elettore bavarese Massimiliano III e venne rappresentata al Teatro Cuvilliés di Monaco di Baviera nella stagione di carnevale del 1775.

Il libretto, denominato "Dramma giocoso in tre atti", il cui autore si presume sia Giuseppe Petrosellini, è basato su un testo di Ranieri de' Calzabigi, che era stato messo in musica già dal compositore napoletano Pasquale Anfossi. Sembra che Mozart non fosse particolarmente entusiasta di questo libretto, ma lo accettò senza apportarvi particolari modifiche.

Alla prima rappresentazione dell'opera seguirono, a causa di una malattia della prima donna, soltanto due repliche. Secondo una lettera di Mozart al padre Leopold, l'opera ebbe un grande successo.

Nel maggio 1780 (forse il 1°) andò in scena ad Augusta un adattamento in lingua tedesca in forma di Singspiel con il titolo di Die verstellte Gärtnerin. La traduzione venne fornita da Johann Franz Joseph Stierle.

Il 2 aprile 1782 avviene la prima a Francoforte sul Meno di Sandrina oder Das verstellte Gräfin ed il 31 gennaio 1789 a Magonza come Das verstellte Gärtnermädchen.

Nel 1796 avviene la prima a Praga e nel 1797 ad Oleśnica (Bassa Slesia) come Die schöne Gärtnerin.

Al Wiener Staatsoper ebbe la première nel 1891 ed a New York nel 1927 come The Pretending Gardener. Nel Regno Unito la première è stata nel 1930 a Londra, a Versailles nel 1964 come La fausse jardinière con Jane Berbié, nel 1965 a Strasburgo come La fausse jardinière, al Théâtre des Champs-Elysées di Parigi con Teresa Stich-Randall e la Berbié ed al Festival di Salisburgo con Graziella Sciutti, nel 1970 alla Piccola Scala di Milano diretta da Zoltán Peskó con Mariella Adani ed Enzo Dara, nel 1996 a Glasgow per la Royal Scottish Academy of Music and Drama (RSAMD) e nel 2001 a Cento (Italia) diretta da Claudio Desderi.