L'ultimo cavaliere (Stephen King)

L'ultimo cavaliere
Titolo originale The Dark Tower: The Gunslinger
Autore Stephen King
1ª ed. originale 1982
Genere romanzo
Sottogenere dark fantasy, science fantasy, new weird, fantawestern
Lingua originale inglese
Serie La torre nera
Seguito da La chiamata dei tre

L'ultimo cavaliere è un romanzo fantasy scritto da Stephen King, pubblicato nel 1982, primo volume della saga della Torre Nera, considerata da King il suo opus magnum, ispirata dal poema Childe Roland alla Torre Nera giunse di Robert Browning.

Pubblicato originariamente in sei parti sulla rivista The Magazine of Fantasy and Science Fiction, dall'ottobre 1978 al novembre 1981, fu raccolto per la prima volta in volume nel 1982 in un'edizione limitata della piccola casa editrice Donald M. Grant Publisher di West Kingston, Rhode Island. Fu riedito per il grande pubblico nel 1988 da Plume.

Nel 2003 è stata pubblicata un'edizione ampiamente rivista ed ampliata, per rendere il romanzo coerente nei contenuti e nello stile agli ultimi romanzi della serie, pubblicati vent'anni dopo.

L'ultimo cavaliere è composto da una serie di flashback che alternano la sua ricerca con immagini della sua infanzia. Nonostante sia la più enigmatica tra le storie presentate da King, il libro è un'ottima introduzione al resto della serie, fatta di libri più concreti e lineari nella stesura.

Trama

L' incipit del libro è «L'uomo in nero fuggì nel deserto e il pistolero lo seguì» («The man in black fled across the desert and the gunslinger followed»).

Il mondo in cui è ambientato il romanzo è "andato avanti" nel senso che c'è stata una catastrofe che l'ha sconvolto facendolo tornare a un mondo simile al Far West nel 1800, privo di tecnologia. Il protagonista è Roland di Gilead, un pistolero che appartiene a un ordine cavalleresco di cui è l'ultimo membro (gli altri sono morti in una guerra). Gran parte del mondo rimasto è un deserto in cui la maggior parte della popolazione vive nella zona più fertile: nessuno ha mai superato il deserto, popolato da mutanti e demoni. Roland sta inseguendo un misterioso e potente stregone, "l'uomo in nero", e vuole raggiungerlo attraverso il deserto fino a una misteriosa Torre Nera.

Roland arriva nel paese di Tull dove trova l'ospitalità di Scheb e di Allie (i due diventano amanti). Tempo prima però era passato al villaggio anche l'uomo in nero e aveva resuscitato un uomo: Nort. Quindi, mentre gli altri fuggivano ha consegnato una lettera a Allie in cui ordinava a lei di non dire a Nort la parola "Diciannove". Allie si confida con Roland ma la tentazione diventa molto forte. Roland intanto scopre che una donna del villaggio è posseduta da un demone inviatole dall'uomo in nero. Lui interroga il demone sul deserto scoprendo che dopo esso ci sono delle montagne. Al ritorno nel centro però Roland scopre che Allie ha ceduto alla tentazione e che la gente, impazzita, lo crede il demonio. Roland è costretto a uccidere tutti, prima di riprendere il viaggio.

Raggiunge quindi l'abitazione di un colono (i coloni sono le persone che vivono all'interno del deserto), Brown, e dopo essersi rifornito riparte. Quando è ormai in fin di vita raggiunge l'abitazione di Jake. Jake è un ragazzino del nostro mondo che è stato ucciso dall'uomo in nero e che è stato trasportato dallo stregone in quello di Roland. Jake non ricorda quasi nulla del mondo da cui proviene se non alcune parole come "Coca-cola" o "LSD" cui però non riesce ad abbinare i relativi oggetti.

Jake e Roland stringono una profonda amicizia, per il pistolero quel ragazzo diventa come un figlio. I due fanno rifornimento, poi Jake decide di unirsi a Roland, sia perché non sa vivere da solo nel nuovo mondo, sia perché vuole vendetta da colui che lo ha ucciso. I due abbandonano il campo quando capiscono che è infestato da demoni sparsi dall'uomo in nero. Durante una notte nel deserto Roland scopre, tramite un sogno, dell'esistenza di un Oracolo nelle vicinanze. Una volta raggiunto, questi non è in grado di dirgli molto, eccetto che dovrà seguire un ragazzo posseduto da un demone chiamato "EROINA".

In seguito i due raggiungono le montagne, che sono insolitamente fertili. Qui Roland, Jake e l'uomo in nero si incontrano. Roland prova a uccidere lo stregone senza successo. L'uomo in nero dice a Roland di essere paziente e si dilegua.

Roland intanto racconta a Jake del suo mondo e della sua infanzia. Della prima persona di cui ha causato la morte, dell'inizio della guerra, di quando ha sconfitto il suo maestro ed è diventato un pistolero, scontro che era costato la vita al suo falco David. I due attraversano una parte rocciosa e poco illuminata dei monti ma si imbattono in alcune rotaie e in un carrello meccanico e procedono con più velocità. Vengono però a scontrarsi con dei mostri chiamati "Lenti Mutanti"; durante lo scontro Jake dà prova di tutto il suo coraggio fronteggiando i mostri.

Quindi continuano il percorso a piedi ed entrano in una grotta, dove Jake sta per cadere in una profonda spaccatura, sorreggendosi a stento con le mani. Roland vuole aiutare quello che ormai considera un figlio ma sente la voce dell'uomo in nero che gli ordina di proseguire se vuole prenderlo. Straziato, Roland lascia cadere Jake nel precipizio.

L'uomo in nero spiega a Roland che la Torre Nera è un punto di congiunzione di molti universi e propone la teoria secondo cui l'Universo di Roland non è altro che un granello di un altro universo, dice che sulla Torre c'è un Re di cui è servo. Invita Roland a desistere dalla sua impresa, gli dice di essere stato amico di suo padre e di chiamarsi Walter. Dice che Roland dovrà trovare delle porte che lo condurranno dai Tre: un Prigioniero, la Signora delle Ombre e La Morte (ma non destinata a Roland) e che questi lo condurranno alla torre. Mentre Walter parla, il flusso temporale si distorce e sembrano trascorrere anni. Alla fine Roland si risveglia invecchiato di 10 anni.

En otros idiomas