Guerra anglo-spagnola (1739-1742)

Guerra anglo-spagnola (1739-1742)
detta anche guerra dell'orecchio di Jenkins
War jenkins ear west indies de.png
Il teatro di guerra delle Indie occidentali
Data 17391742
Luogo Caraibi, Florida, Provincia coloniale di Georgia
Casus belli Perquisizioni e requisizioni di navi mercantili inglesi da parte spagnola per stroncare il contrabbando inglese nell'America latina
Esito Vittoria spagnola Ritorno allo status quo ante
Modifiche territoriali nessuno
Schieramenti
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La guerra anglo-spagnola (dal 1739 al 1742) fu un conflitto coloniale fra Inghilterra e Spagna. Essa fu detta anche guerra dell'orecchio di Jenkins, così denominata poiché nel 1738 il capitano di un vascello mercantile inglese, certo Robert Jenkins, esibì un suo orecchio mozzato alla Camera dei Comuni quale prova degli atti di violenza della marina spagnola contro i navigatori inglesi. La guerra che ne seguì nei Caraibi e nelle colonie meridionali del Nordamerica ebbe lo scopo, da parte inglese, di rompere l'egemonia spagnola nei territori delle Indie Occidentali e di eliminare i commerci navali spagnoli d'oltremare.

Con i loro attacchi ai punti di appoggio spagnolo e la presa di Portobello [1] gli inglesi riuscirono da soli, nel primo anno di guerra, ad ottenere un significativo successo.

Dopo di che le ulteriori azioni condotte dalle unità della flotta inglese in cooperazione con reparti della fanteria di un apposito corpo di spedizione fallirono e quest'ultimo si assottigliò via via a causa delle malattie tropicali, così che le battaglie nel corso del 1742 si conclusero senza risultati apprezzabili.

Antefatti

Walpole spinge il leone inglese dietro un aratore spagnolo che ha attaccato all'aratro quattro marinai inglesi. Sullo sfondo Robert Jenkins perde il suo orecchio, mentre una nave da guerra inglese combatte contro una nave spagnola che ha la peggio (caricatura inglese del 1738)

Subito dopo la Pace di Utrecht ( 1712) che chiuse la guerra di successione spagnola, gli inglesi, nonostante la Spagna avesse garantito alla britannica Compagnia dei Mari del Sud (South Sea Company) il diritto trentennale esclusivo dell'importazione diretta degli schiavi nei territori spagnoli del Sudamerica ( Asiento [2]) più 500 tonnellate di merci all'anno, avevano iniziato ad approfittarne ampliando il contrabbando di questo commercio. [3] Il tentativo spagnolo di stroncare questo contrabbando facendo perquisire le navi inglesi lungo le coste degli sbarchi con proprie navi guardia-costa, condusse a tensioni tra Spagna ed Inghilterra, nonostante che con il Trattato di Siviglia (9 novembre 1729) l'Inghilterra avesse riconosciuto agli spagnoli il diritto di perquisizione delle navi inglesi dirette nelle colonie spagnole centro- e sudamericane, per la verifica del rispetto dell'asiento. Tuttavia gli spagnoli interpretarono questo diritto diversamente da come lo intendevano gli inglesi e operarono numerosi sequestri di merci su navi inglesi. Da parte loro molti corsari inglesi continuavano ad attaccare e depredare le navi spagnole nei Caraibi.

Nonostante le tensioni, le relazioni anglo-spagnole migliorarono notevolmente nel periodo fra il 1732 ed il 1737, allorché il governo inglese di sir Robert Walpole sostenne il punto di vista spagnolo nella guerra di successione polacca ( 1733 - 1738).

Il problema tuttavia rimase vivo e quando il comandante inglese Robert Jenkins, nel marzo del 1738, esibì alla Camera dei Comuni il suo orecchio conservato nell'alcool, sostenendo che gli era stato mozzato dagli spagnoli di una pattuglia guardacoste ancora nel 1731, [4] infiammò l'ostilità anti-spagnola già latente negli inglesi e l'evento, nonostante si fosse verificato ben sette anni prima, fu considerato un affronto all'onore nazionale e quindi un casus belli.

Sebbene già fosse stato elaborato un accordo in merito fra il primo ministro inglese Robert Walpole e l'ambasciatore spagnolo, secondo il quale la Spagna si obbligava a pagare una somma a titolo risarcitorio per i carichi illegalmente confiscati agli inglesi e questo fosse stato ratificato nel gennaio del 1739 (la cosiddetta Convenzione di El Pardo), si giunse, dopo una dimostrazione della flotta inglese comandata dall'ammiraglio Haddock dinnanzi alle coste spagnole, alla rottura dell'Asiento da parte del governo spagnolo ed alla confisca delle navi inglesi ancorate nei porti spagnoli. Il 14 agosto di quell'anno l'Inghilterra richiamava in patria il proprio ambasciatore in Spagna ed il 9 ottobre le dichiarava guerra.

En otros idiomas