Giovanni d'Inghilterra

Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Principe Giovanni" rimanda qui. Se stai cercando altri principi noti con questo nome, vedi Principe Giovanni (disambigua).
Giovanni
British School - King John - Google Art Project.jpg
Ritratto di Giovanni.
Re d'Inghilterra e Signore d'Irlanda
Stemma
In carica6 aprile 1199 -
19 ottobre 1216
PredecessoreRiccardo I
SuccessoreEnrico III
Altri titoliDuca d'Aquitania
Duca di Normandia
Conte del Maine
Conte d'Angiò
NascitaOxford, 24 dicembre 1166
MorteNewark-on-Trent, 18/19 ottobre 1216
Casa realePlantageneti
PadreEnrico II
MadreEleonora d'Aquitania
ConiugiIsabella di Gloucester
Isabella d'Angoulême
FigliEnrico III
Riccardo di Cornovaglia
Giovanna d'Inghilterra
Isabella d'Inghilterra
Eleonora d'Inghilterra
Religionecattolica romana

Giovanni Plantageneto, Giovanni d'Inghilterra o Giovanni Senzaterra[N 1] (in inglese John Lackland; in francese antico Johan sanz Terre; Oxford, 24 dicembre 1166Newark-on-Trent, 19 ottobre 1216), fu re d'Inghilterra dal 6 aprile 1199 al 1216, e di fatto ultimo vero sovrano assoluto, anche se molti discendenti riuscirono con successo a restaurare la monarchia assoluta.[1] Nello stesso periodo fu anche duca d'Aquitania e Guascogna e conte di Poitiers.Dal 1199 al 1203 fu conte del Maine e duca di Normandia.

Durante il suo regno, rivendicando una concezione sacra della monarchia, sovrano per diritto divino responsabile del suo operato solo davanti a Dio, Giovanni volle instaurare una monarchia teocratica con nuove imposizioni e spoliazioni, ma lo fece in modo troppo evidente e questa politica assolutista suscitò la ribellione di ecclesiastici, baroni, cavalieri e ceti urbani decisi ad affermare i propri diritti di libertà statuiti dai reciproci obblighi feudali. Perse il Ducato di Normandia a favore del Re Filippo II di Francia a cui seguì il crollo della maggior parte dell'impero angioino contribuendo alla successiva affermazione del potere della dinastia Capetingia nel corso del XIII secolo. Verso la fine del suo regno, una rivolta baronale portò alla sigillatura della Magna Carta, un documento che talvolta viene considerato il passo iniziale nell'evoluzione della costituzione del Regno Unito, che impediva alla monarchia inglese di degenerare nell'assolutismo ed esigere l'obbedienza incondizionata.

Inizialmente non venne previsto che Giovanni, il più giovane dei cinque figli del re Enrico II d'Inghilterra e della duchessa Eleonora d'Aquitania, potesse ereditare terre significative. Tuttavia, a seguito del fallimento della rivolta campeggiata dai suoi fratelli maggiori, Giovanni divenne il figlio prediletto del padre Enrico che lo nominò Signore dell'Irlanda nel 1177 e gli conferì terre in Inghilterra e nel continente. I fratelli maggiori di Giovanni, Guglielmo, Enrico e Goffredo morirono giovani e quando Riccardo divenne re nel 1189, Giovanni fu un suo potenziale erede al trono. Già durante l'assenza di Riccardo, impegnato nella terza crociata, egli tentò infruttuosamente di ribellarsi contro i reggenti per conquistare il potere. Dovette aspettare, tuttavia, la morte di Riccardo, avvenuta nel 1199 per essere proclamato re d'Inghilterra giungendo anche ad un accordo con Filippo II di Francia che gli riconobbe il possesso alle terre angioine continentali grazie al trattato di pace di Le Goulet, stipulato nel 1200.

Quando scoppiò nuovamente la guerra con la Francia, Giovanni ottenne subito alcune vittorie, ma la mancanza di risorse militari e del supporto dei nobili Normanni, Bretoni e Angioini, determinò la perdita, avvenuta nel 1204, delle sue terre nella Francia settentrionale. Giovanni trascorse, quindi, gran parte del decennio successivo nel tentare di riconquistare questi possedimenti, aumentando gli introiti delle tasse, riformando le forze armate e ricostruendo le alleanze continentali. Le riforme giudiziarie promosse da Giovanni ebbero un impatto duraturo sul diritto inglese, oltre a fornire un'ulteriore fonte di entrate. Una diatriba con Papa Innocenzo III gli costò una scomunica nel 1209 che, tuttavia, venne ritirata quando si risolse la disputa quattro anni più tardi. Nel 1214, la sconfitta nella battaglia di Bouvines mise fine ai tentativi di Giovanni di sopraffare il re francese Filippo. Quando fece ritorno in Inghilterra, dovette anche affrontare una ribellione di molti dei suoi baroni, contrariati dalle sue politiche fiscali e dal trattamento che riservò a molti di essi. Sebbene Giovanni e i baroni avessero accettato il trattato di pace sancito con la Magna Carta del 1215, nessuna delle due parti rispettò davvero le sue condizioni. Poco dopo scoppiò una guerra civile che vide contrapposte la fazione reale a quella dei baroni ribelli che poterono contare sull'aiuto di Luigi di Francia. Alla fine del 1216 Giovanni morì di dissenteria mentre stava conducendo una campagna militare nell'Inghilterra orientale. I sostenitori di suo figlio, Enrico III, continuarono la guerra fino ad ottenere, l'anno successivo, la vittoria sui baroni e sul re di Francia, ristabilendo lo status quo.

I cronisti coevi furono prevalentemente critici sull'operato di Giovanni come re e, da allora, il suo regno è stato oggetto di un significativo dibattito, in particolare a partire dal XVI secolo. Alcuni storici hanno espresso un giudizio positivo su Giovanni considerandolo "un amministratore duro, un uomo capace, un comandante capace",[2] tuttavia altri concordano sul fatto che egli ebbe anche molti aspetti negativi come "tratti di personalità spiacevoli e persino pericolosi", come la meschinità, la perfidia e la crudeltà.[3] Queste riprovevoli qualità hanno fornito un vasto materiale per gli scrittori di fantasia dell'epoca vittoriana, e Giovanni resta ancora oggi un personaggio ricorrente nella cultura popolare occidentale, soprattutto nel ruolo di cattivo nei racconti e nei film che hanno come soggetto la leggenda di Robin Hood.

En otros idiomas
Afrikaans: Jan van Engeland
беларуская: Іаан Беззямельны
български: Джон Безземни
čeština: Jan Bezzemek
Esperanto: Johano (Anglio)
eesti: John Maata
euskara: Joan Lurgabea
føroyskt: Jóhan landleysi
français: Jean sans Terre
Gaeilge: Eoin Shasana
hrvatski: Ivan bez Zemlje
Bahasa Indonesia: John dari Inggris
lietuvių: Jonas Bežemis
latviešu: Džons Bezzemis
македонски: Јован Безземниот
Bahasa Melayu: John dari England
Nederlands: Jan zonder Land
română: Ioan al Angliei
संस्कृतम्: जाह्न (इंगलैंड)
srpskohrvatski / српскохрватски: John od Engleske
Simple English: John of England
slovenčina: Ján I. (Anglicko)
slovenščina: Ivan Brez dežele
српски / srpski: Јован без Земље
Tiếng Việt: John (vua nước Anh)
Bân-lâm-gú: John (Eng-lân)