Feticismo (sessualità)

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.
Feticismo del piede. La Comtesse au fouet (1926), di Martin van Maele

Per feticismo si intende la parafilia consistente nello spostamento della meta sessuale dalla persona viva nella sua interezza a un suo sostituto; ciò che la sostituisce può essere o una parte del corpo stesso, una qualità, un indumento, un'azione o qualsiasi altro oggetto inanimato. In sostanza, quindi, il feticista è colui che prova attrazione sessuale per qualcosa che fuoriesce dai canoni della sessualità tradizionale che presuppone i genitali quali oggetti libidici primari.

Il feticismo è normalmente caratterizzato da una supervalutazione psicologica dell'oggetto sessuale che si estende a ogni cosa a esso associato. Un certo grado di feticismo rientra abitualmente nell'ambito della sessualità normale, specialmente quando il desiderio di intrattenere un rapporto sessuale con la persona amata non è immediatamente esaudibile (così, ad esempio, chi si trova lontano dalla persona amata può assurgere a feticcio un indumento intimo di colei/colui). La condizione diventa patologica solo quando il feticcio arriva a sostituirsi completamente al coito, o a maggior ragione, quando esso si distacca da qualsiasi determinata persona e diventa per sé solo l'oggetto sessuale. [1]

La preferenza dettata dai gusti personali, invece, per quanto apparentemente bizzarra o inconsueta, nel caso di una relazione sessuale, non toglie al soggetto la consapevolezza che si sta relazionando con una persona e quindi non toglie nel soggetto la sensibilità, l' empatia, la comunicazione con l'altra persona.

Il feticismo è largamente prevalente negli uomini rispetto alle donne. Dopo un lungo studio sulle fantasie erotiche e sul comportamento sessuale, lo psichiatra Robert Stoller concluse che per gli uomini "feticizzare è normale": essi risultano molto più propensi ad associare una certa carica erotica a una particolare zona prediletta del corpo della donna. [2]

Origine del termine

L' etimo della parola viene dalla lingua portoghese; [3] i mercanti di schiavi usavano questo termine per riferirsi agli indigeni africani che adoravano " feticci", ovvero oggetti ritenuti sacri dalle popolazioni locali.

En otros idiomas
Esperanto: Fetiĉo (amoro)
suomi: Fetisismi
galego: Fetichismo
íslenska: Blætisdýrkun
português: Fetiche
română: Fetișism
srpskohrvatski / српскохрватски: Seksualni fetišizam
Simple English: Sexual fetishism
slovenčina: Fetišizmus (sex)
српски / srpski: Seksualni fetišizam
Tiếng Việt: Ái vật
中文: 戀物