Doping

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il procedimento omonimo in uso nei semiconduttori, vedi Drogaggio.
Il maratoneta Thomas Hicks, nel 1904 vinse con l'aiuto di stricnina e brandy fornito dai suoi assistenti durante la gara e collassò dopo aver raggiunto il traguardo
Flaconi di steroidi anabolizzanti sequestrati dal Drug Enforcement Administration nel 2007

Il doping (in lingua italiana drogaggio[1] o dopaggio[2]) consiste nell'uso di una sostanza o di una pratica medica a scopo non terapeutico, ma finalizzato al miglioramento dell'efficienza psico-fisica durante una prestazione sportiva (gara e/o allenamento), sia agonistica sia non agonistica, da parte di un atleta. II ricorso al doping avviene spesso in vista o in occasione di una competizione agonistica ed è un'infrazione sia dell'etica dello sport, sia dei regolamenti dei Comitati olimpici sia della legislazione penale italiana, inoltre espone ad effetti nocivi alla salute, anche mortali.

Compresse di steroidi anabolizzanti sequestrati dal Drug Enforcement Administration nel 2007

La storia del doping inizia nell'antichità, all'epoca delle prime Olimpiadi nella Grecia classica. Le sostanze utilizzate per il doping sono varie e legate allo sviluppo della sintesi chimica, della farmacologia e della scienza medica. Esse permettono di aumentare la massa e la forza muscolare oppure l'apporto di ossigeno ai tessuti oppure di ridurre la percezione del dolore o di variare il peso corporeo, infine possono anche consentire all'atleta che ne fa uso di risultare negativo ai controlli antidoping[3].

La lotta contro il doping degli atleti di alto livello iniziò con la morte del ciclista danese Knud Enemark Jensen durante le Olimpiadi di Roma del 1960. Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e alcune Federazioni sportive internazionali e nazionali nominarono una task force medica per studiare delle strategie di contrasto al doping. I primi risultati si ebbero solo dopo la scoperta di un altro corridore (Ben Johnson) dopato nell'Olimpiadi di Seoul del 1988 e con la fine della guerra fredda nel 1989, quando le autorità politiche mondiali crearono il WADA (World Anti-Doping Agency), l'agenzia internazionale che varò il Codice Mondiale Antidoping WADA, in seguito accettato dalle federazioni sportive nazionali[4].

En otros idiomas
asturianu: Dopaxe
беларуская: Допінг
беларуская (тарашкевіца)‎: Допінг
български: Допинг
brezhoneg: Doperezh
bosanski: Doping
català: Dopatge
čeština: Doping
Cymraeg: Amhureddu
dansk: Doping
Deutsch: Doping
Esperanto: Dopado
español: Dopaje
eesti: Doping
euskara: Dopin
فارسی: دوپینگ
suomi: Doping
français: Dopage (sport)
galego: Dopaxe
hrvatski: Doping
Bahasa Indonesia: Doping
日本語: ドーピング
Basa Jawa: Doping
қазақша: Допинг
한국어: 도핑
kurdî: Dopîng
lietuvių: Dopingas
latviešu: Dopings
монгол: Сэргээш
Nederlands: Doping
norsk: Doping
Piemontèis: Bomba (spòrt)
română: Dopaj (sport)
русский: Допинг
sicilianu: Doping
Simple English: Doping in sport
slovenčina: Doping
slovenščina: Doping
српски / srpski: Допинг
svenska: Dopning
Türkçe: Doping
українська: Допінг
oʻzbekcha/ўзбекча: Doping
Tiếng Việt: Doping
West-Vlams: Dopienge
中文: 體育禁藥
粵語: 運動禁藥