Diaspora ebraica

La diaspora ebraica (in lingua ebraica Tefutzah o Galut גלות, letteralmente "esilio","dispersione") è la dispersione del popolo ebraico avvenuta durante i regni di Babilonia e sotto l'impero romano. In seguito il termine assunse il significato più generale di migrazione.

È generalmente accettato che la diaspora ebraica abbia avuto inizio intorno all'VIII-VI secolo a.C., con la conquista degli antichi regni ebraici e l'espulsione programmata degli schiavi ebrei dalle loro terre. Molte comunità ebraiche nel IV d.C. si stabilirono poi in varie zone del Medio Oriente, in Spagna, Cina, Francia, India e crearono importanti centri di giudaismo, attivi per secoli a venire. Le soppressioni della grande rivolta ebraica nel 70 d.C. e della rivolta di Bar Kokhba, nel 135 d.C., contribuirono notevolmente all'espansione della diaspora. Molti ebrei furono espulsi dallo Stato della Giudea, mentre altri furono venduti come schiavi.

Il termine è anche usato, in forma più spirituale, per riferirsi agli ebrei i cui antenati si sono convertiti all'ebraismo al di fuori di Israele, sebbene questi non possano essere propriamente definiti come esiliati.

En otros idiomas
Afrikaans: Joodse diaspora
Alemannisch: Jüdische Diaspora
تۆرکجه: قالوت
Esperanto: Juda diasporo
français: Diaspora juive
Bahasa Indonesia: Diaspora Yahudi
Bahasa Melayu: Diaspora Yahudi
Nederlands: Joodse diaspora
português: Diáspora judaica
srpskohrvatski / српскохрватски: Jevrejska dijaspora
Simple English: Jewish diaspora
slovenčina: Diaspóra (Židia)
ייִדיש: גלות