Cubismo orfico

Storia

Il movimento deve il suo nome allo scrittore e critico francese Guillaume Apollinaire [1], che lo aveva scelto per definire il gruppo di artisti chiamati Section d'Or, su suggerimento di Jacques Villon. Tra loro vi erano anche i suoi fratelli, Raymond Duchamp-Villon e Marcel Duchamp, e, inoltre, Roger de La Fresnaye, Fernand Léger, Marie Laurencin. Questa compagnia aveva l'obiettivo di rappresentare dei quadri che avessero rigorosi rapporti geometrici tenendo comunque conto della vitalità del colore presente in essi. Section d'Or fu anche il titolo della rivista che crearono e del Salon col quale esordirono a Parigi nel 1912.

Questi artisti erano soliti riunirsi nella casa parigina di Jacques Duchamp, sita nel sobborgo di Puteaux. Tutti avevano sviluppato una visione del cubismo diversa da quella del cosiddetto gruppo di Montmartre (rappresentato principalmente da Picasso e Braque): le composizioni incominciarono ad essere completamente create dal pittore e non tratte dalla realtà, il colore tornò parte essenziale del dipinto, non più finalizzato alla mera scomposizione dei volumi.

František Kupka, pittore ceco, fu uno dei maggiori esponenti della pittura astratta e dell'orfismo.

En otros idiomas
Afrikaans: Orphisme (kuns)
Alemannisch: Orphischer Kubismus
العربية: أورفية
English: Orphism (art)
Esperanto: Orfismo (arto)
español: Orfismo (arte)
فارسی: ارفیسم
suomi: Orfismi
français: Orphisme (art)
hrvatski: Orfizam
한국어: 오르피즘
srpskohrvatski / српскохрватски: Orfički kubizam
српски / srpski: Орфизам (уметност)
svenska: Orfism
தமிழ்: ஆர்பியம்
中文: 奧費主義