Crisi di Agadir

Crisi di Agadir (seconda crisi marocchina)
SMS Panther (1901).jpg
La cannoniera tedesca Panther, il cui approdo ad Agadir portò all'acutizzarsi della crisi.
Data1º luglio - 4 novembre 1911
LuogoAfrica e Europa
CausaOccupazione francese della città marocchina di Fez
EsitoSuccesso diplomatico della Francia e della Gran Bretagna
Modifiche territorialiInserimento del Marocco nella sfera d'influenza francese in cambio di concessioni territoriali alla Germania in Africa equatoriale
Schieramenti
Voci di crisi presenti su Wikipedia

La Crisi di Agadir, detta anche seconda crisi marocchina, fu determinata nel 1911 dall'opposizione tedesca al tentativo della Francia di instaurare un protettorato sul Marocco. La reazione della Germania si manifestò con l'invio della nave cannoniera Panther nel porto marocchino di Agadir.

La crisi si aggravò per la rivendicazione tedesca, in cambio di un protettorato francese sul Marocco, del Congo francese. Trovò l'apice e terminò per l'intervento della Gran Bretagna che, condannando la politica della Germania, la portò a cedere e ad accettare come compenso solo una piccola parte del Congo francese.

Con la crisi di Agadir la Gran Bretagna concluse il suo processo di avvicinamento politico alla Francia iniziato con l'Entente cordiale. Il 30 marzo 1912 con il trattato di Fez il Marocco accettava definitivamente il protettorato francese.

En otros idiomas