Creatina

Creatina
formula di struttura
modello ad asta e sfera
Nomi alternativi
Acido metilguanidinoacetico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C4H9N3O2
Massa molecolare ( u) 131,13 g/mol
Numero CAS 57-00-1
Numero EINECS 200-306-6
PubChem 586
DrugBank DB00148
SMILES CN(CC(=O)O)C(=N)N
Proprietà chimico-fisiche
Costante di dissociazione acida (pKa) a 298 K 2,6; 14,3
Temperatura di fusione 303 °C (decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H 315 - 319 - 335
Consigli P 261 - 305+351+338 [1]

La creatina (dal greco κρέας, krèas, "carne") è un composto intermedio del metabolismo energetico sintetizzato dal fegato (1 g/die) a partire da arginina, S-adenosil metionina e glicina, ed è utilizzato nei muscoli dei mammiferi per rigenerare ATP durante i primi secondi della contrazione muscolare. L'organismo umano è in grado di immagazzinarne al massimo 0,3 g per ogni kg di peso corporeo.

Quando si assume creatina di origine animale, si ha la sua fosforilazione sull'azoto non glicinico a fosfocreatina. Normalmente viene ricercato il suo prodotto di degradazione nelle urine e nel sangue ( creatininemia), la creatinina, come indice della funzionalità renale. Successivamente è stata impiegata in terapia medica ed è un integratore utilizzato dagli sportivi soprattutto in discipline anaerobiche, come ad esempio culturismo, sollevamento pesi e powerlifting.

Cenni storici

La creatina fu scoperta dal chimico francese Michel Eugène Chevreul nel 1832, ma solo nel 1847 fu confermata la sua presenza nella carne dal chimico tedesco Justus von Liebig, dopo aver condotto degli esperimenti sulla muscolatura umana ove la creatina si trova in maggiore quantità che negli altri tessuti. Grazie al confronto tra carni di volpi selvatiche e di volpi in cattività, Liebig ipotizzò che la maggiore o minore concentrazione di creatina nei muscoli fosse legata all'attività motoria.

Gli studi di Wilhelm Heinrich Heintz e Max von Pettenkofer portarono alla scoperta della creatinina, molecola presente nell' urina e prodotta dalla metabolizzazione della creatina. Osservando il rapporto tra la quantità di creatina assunta oralmente e la quantità di creatinina presente nell'urina si arrivò a ipotizzare che parte della creatina assunta oralmente (tramite dieta, per esempio) potesse essere trattenuta dalla muscolatura, per rinforzarla o per sostenerne lo sforzo fisico. Gli studi di Otto Folin nel 1912 e di W. Denis nel 1914 stabilirono che l'aumento di creatina nei muscoli tramite assunzione orale poteva arrivare fino al 70%. Ma solo durante gli anni ottanta e novanta la sostanza è entrata nella cultura popolare con il diffondersi del culto del corpo e del benessere.

En otros idiomas
العربية: كرياتين
беларуская: Крэацін
български: Креатин
català: Creatina
čeština: Kreatin
dansk: Kreatin
Deutsch: Kreatin
English: Creatine
Esperanto: Kreatino
español: Creatina
eesti: Kreatiin
suomi: Kreatiini
français: Créatine
galego: Creatina
עברית: קראטין
hrvatski: Kreatin
magyar: Kreatin
Հայերեն: Կրեատին
Bahasa Indonesia: Kreatina
日本語: クレアチン
한국어: 크레아틴
lietuvių: Kreatinas
latviešu: Kreatīns
македонски: Креатин
Nederlands: Creatine
norsk: Kreatin
polski: Kreatyna
português: Creatina
русский: Креатин
srpskohrvatski / српскохрватски: Kreatin
Simple English: Creatine
slovenčina: Kreatín
српски / srpski: Kreatin
svenska: Kreatin
Türkçe: Kreatin
українська: Креатин
中文: 肌酸