Clitennestra

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo asteroide, vedi 179 Klytaemnestra.
Dopo l'omicidio (1882) di John Collier, Guildhall Art Gallery, Londra.

Clitennestra (o Clitemnestra, o anche Clitemestra) è un personaggio della mitologia greca, figlia di Tindaro, re di Sparta, e di Leda.

La vita

La paternità di Clitennestra è dibattuta. Leda, figlia di Testio, fu sedotta da Zeus nelle vesti di cigno sulle rive del fiume Eurota, e depose un uovo che, schiusosi, lasciò uscire Elena, Castore e Polluce. [1] [2] Quella stessa notte, la donna giacque con il marito Tindaro e partorì dunque Clitennestra, [3] [4] ma alcuni autori sostengono che solo Elena fosse da considerare di origine divina, mentre Polluce e Castore erano figli di Tindaro. [5] [6] Altri tramandano che Leda depose due uova, da cui rispettivamente emersero Castore e Clitennestra, di stirpe mortale e figli di Tindaro, e Polluce ed Elena, figli di Zeus. [7] [8] Alcune varianti del mito e la pittura si legarono a una lettura più semplice dell'episodio e immaginarono che le quattro creature uscite dall'uovo, e dunque anche Clitennestra, fossero figlie di Zeus.

Clitennestra aveva sposato in prime nozze Tantalo, figlio di Tieste e re di Pisa (città del Peloponneso), ucciso da Agamennone che gli aveva mosso guerra. Clitennestra sposò allora proprio l'uccisore del marito, Agamennone, re di Micene e fratello di Menelao, re di Sparta. Dall'unione dei due nacquero: Elettra, Ifigenia, Crisotemi e Oreste.

Al momento della partenza delle navi achee per la guerra di Troia, viene imposto ad Agamennone il sacrificio di Ifigenia per placare l'ira di Artemide che non permetteva alla flotta di salpare. Agamennone acconsente e attira Clitennestra e la figlia in Aulide con l'inganno (la promessa di darla in sposa ad Achille). La principessa viene salvata miracolosamente dalla dea stessa che aveva preteso il sacrificio e rapisce Ifigenia avvolgendola nel suo velo. [9] Il sacrificio dunque non si consuma, ma la figlia è stata ingannata e sottratta alla madre. Questa vicenda produce in Clitennestra un rancore inestinguibile. Rancore alimentato dalle insidie del cugino di Agamennone, Egisto, figlio di Tieste.

Cugini di primo grado, Egisto e Agamennone erano figli dei fratelli Tieste ed Atreo discendenti del ceppo di Pelope, sul quale gravava una maledizione che avrebbe colpito la dinastia. Tornato a Micene dopo la distruzione di Troia, Agamennone conduce con sé la schiava Cassandra, figlia di re Priamo. A palazzo lo attende la congiura ordita da Egisto e Clitennestra che porta all'uccisione dell' Atride e della sua schiava.

Agamennone sarà vendicato dai figli, Elettra e Oreste. L'uccisione della madre scatena però su Oreste le Furie, divinità vendicatrici; solo l'intervento di Atena lo libererà dalla loro persecuzione. [10]

En otros idiomas
العربية: كليتيمنيسترا
Boarisch: Klytemnestra
беларуская: Клітэмнестра
български: Клитемнестра
brezhoneg: Klytaimnestra
català: Clitemnestra
čeština: Klytaimnéstra
Deutsch: Klytaimnestra
Ελληνικά: Κλυταιμνήστρα
English: Clytemnestra
Esperanto: Klitemnestro
español: Clitemnestra
euskara: Klitemnestra
français: Clytemnestre
hrvatski: Klitemnestra
Հայերեն: Կլիթեմնեստրա
Bahasa Indonesia: Klitaimnestra
Latina: Clytaemestra
lietuvių: Klitemnestra
македонски: Клитамнестра
Nederlands: Clytaemnestra
polski: Klitajmestra
português: Clitemnestra
română: Clitemnestra
русский: Клитемнестра
srpskohrvatski / српскохрватски: Klitemnestra
Simple English: Clytemnestra
slovenčina: Klytaimnéstra
српски / srpski: Клитемнестра
svenska: Klytaimnestra
Tagalog: Clytemnestra
українська: Клітемнестра