Becco

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati del termine becco, vedi Becco (disambigua).
Il rostro di un uccello rapace, il grifone.
Il becco è utilizzato dalla sula bassana durante il corteggiamento.
Il fenicottero utilizza il proprio becco per filtrare i sedimenti del fondale dei laghi in cui vive.

Il becco (talvolta detto anche rostro) è una struttura cornea esterna della bocca di alcuni animali. È una caratteristica distintiva degli uccelli e, oltre ad essere adoperata per l'alimentazione, è utilizzata anche per nettare il piumaggio, manipolare oggetti, uccidere le prede, corteggiare il partner e alimentare i pulcini.

Oltre che negli uccelli, un becco è presente anche nei monotremi ( ornitorinco ed echidna), in alcuni cefalopodi ( polpi, calamari), e in alcune specie di lucertole e vermi.

Anatomia

I becchi possono variare in maniera significativa per dimensione e forma da specie a specie. Il becco è formato da una parte superiore detta mascella o rinoteca, e una parte inferiore, la mandibola o gnatoteca. Le mascelle sono fatte di osso spesso e poroso per garantire la leggerezza necessaria al volo. La superficie esterna è ricoperta da una pellicola di cheratina chiamata " ranfoteca". Tra la superficie dura e l'osso interno si trova uno strato contenente vasi sanguigni e terminazioni nervose. La ranfoteca comprende anche un "nodo" che è possibile trovare in alcuni cigni.

Il becco ha due "narici" che si collegano all'apparato respiratorio. In alcuni uccelli, queste sono collocate in una struttura grassa alla base del becco chiamata "cera". Falchi e pappagalli sono tra gli uccelli che hanno la cera. I caratteri distintivi sessuali dei pappagallini ondulati riguardano la cera: negli esemplari maschi diventa blu con la maturità, mentre quella delle femmine diventa marrone chiaro. Le cere delle femmine di pappagallino australiano appaiono anche raggrinzite, con una maggiore evidenza durante il periodo fertile. Le femmine immature hanno la cera liscia e di un rosa pallido.

Le narici degli uccelli si trovano solitamente sopra il becco. Su alcuni uccelli, come il pappagallino ondulato, esse sono situate tra la "cera".

In alcuni volatili, la punta del becco è complessa e composta da tessuto morto, usato per compiti difficili come aprire le noci oppure uccidere le prede. In altri uccelli, come le anatre, la punta del becco è invece sensibile e contiene nervi, per poter localizzare le cose che li circondano grazie al semplice tocco. Il becco si logora con l'uso, così cresce per tutta la vita dell'uccello.

A differenza delle mascelle con i denti, i becchi non vengono utilizzati per masticare. Gli uccelli ingoiano il cibo in modo intero e lo rompono successivamente nel " ventriglio".

Esempi di uccelli con un becco inusuale sono i colibrì ed i tucani.


En otros idiomas
العربية: منقار
žemaitėška: Snaps
беларуская: Дзюба
беларуская (тарашкевіца)‎: Дзюба
български: Клюн
bosanski: Kljun
català: Bec
čeština: Zobák
dansk: Næb
Deutsch: Schnabel
Ελληνικά: Ράμφος (πτηνά)
English: Beak
Esperanto: Beko
eesti: Nokk
فارسی: منقار
suomi: Nokka
français: Bec
Frysk: Snaffel
Gaeilge: Gob
galego: Peteiro
עברית: מקור
हिन्दी: चोंच
hrvatski: Kljun
magyar: Csőr
Bahasa Indonesia: Paruh
Iñupiak: Sigguuk
Ido: Beko
日本語: くちばし
ქართული: ნისკარტი
қазақша: Құс тұмсығы
한국어: 부리
lingála: Ekóngó
lietuvių: Snapas
latviešu: Knābis
Bahasa Melayu: Paruh
Nāhuatl: Tehuitztli
Napulitano: Pizzo
Plattdüütsch: Snavel
Nedersaksies: Sneb
Nederlands: Snavel
norsk nynorsk: Nebb
norsk: Nebb
occitan: Bèc
پنجابی: چنج
português: Bico
Runa Simi: Chhukruna
română: Cioc
armãneashti: Dintanâ
русский: Клюв
саха тыла: Тумус
sicilianu: Pizzu (mascidda)
Scots: Beak
srpskohrvatski / српскохрватски: Kljun
Simple English: Beak
slovenčina: Zobák
slovenščina: Kljun
српски / srpski: Kljun
svenska: Näbb
Türkçe: Gaga
українська: Дзьоб
Tiếng Việt: Mỏ (chim)
მარგალური: ნინძგი
中文:
粵語: