Battaglia di Rain

Battaglia di Rain
parte della fase svedese della Guerra dei trent'anni
Schlacht bei Rain am Lech 1632.jpg
La battaglia di Rain
Data15 aprile 1632
LuogoRain, Baviera
EsitoVittoria svedese
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
40.000 circa20.000 circa
Perdite
2.000 circa tra morti e feriti3.000 circa tra morti e feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Rain si svolse il 15 aprile 1632 in Baviera, nel corso della fase svedese della guerra dei trent'anni. L'esercito della Lega Cattolica, al comando di Johann Tserclaes, conte di Tilly, venne battuto nel tentativo di impedire all'esercito svedese del re Gustavo II Adolfo di attraversare il fiume Lech; lo stesso conte di Tilly venne ferito a morte in combattimento.

Eventi precedenti e piano svedese

Dopo la grande vittoria riportata nella battaglia di Breitenfeld, Gustavo Adolfo si diresse verso occidente, ponendo i quartieri invernali presso la città di Magonza, creando un campo fortificato che divenne noto come Gustavusburg. Trascorso l'inverno, egli diede il via alla campagna del 1632, dirigendosi verso la Baviera; qui trovò l'esercito della Lega Cattolica che occupava una posizione difensiva dominante il passaggio sul fiume Lech. Gli svedesi procedettero alla costruzione di un ponte di barche, presso la cittadina di Rain, e Gustavo predispose un piano che, nelle sue intenzioni, non solo avrebbe permesso di attraversare il fiume, ma avrebbe anche portato alla distruzione dell'esercito avversario. Tale piano, articolato in due fasi, dimostra le capacità tattiche di Gustavo Adolfo, che formulò un piano semplice ma efficace che non riuscì solo per circostanze che non potevano essere previste.

I movimenti previsti dal piano svedese erano:

  1. Un'avanzata intrapresa da parte dell'esercito svedese, composta in gran parte da fanteria, che avrebbe attraversato il fiume e impegnato frontalmente l'avversario, trincerato su di una altura; questo avrebbe attirato l'attenzione delle truppe cattoliche, mentre la testa di ponte formata sarebbe stata protetta dalla vantaggiosa conformazione della sponda del fiume, che formava una sorta di penisola facilmente difendibile.
  2. Una marcia della cavalleria svedese, che, attraversando il fiume circa 10 km più a sud, avrebbe aggirato l'ala sinistra cattolica, e caricato sul fianco e sul retro le truppe avversarie, impegnate nel respingere la testa di ponte; questo avrebbe provocato il collasso dell'esercito avversario e la sua distruzione.