Battaglia di Culloden

Battaglia di Culloden
parte della Seconda insurrezione giacobita
The Battle of Culloden.jpg
La battaglia di Culloden, dipinto di David Morier
Data16 aprile 1746
LuogoCulloden, Scozia
EsitoVittoria decisiva della Casa di Hannover
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
8.811 uomini
16 cannoni
5.400 uomini circa
13 cannoni leggeri
Perdite
50 morti
254 feriti[1]
1.250 morti
1.000 feriti
558 prigionieri[2]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Culloden (gaelico: Blàr Chùil Lodair), combattuta il 16 aprile 1746 presso Inverness nelle Highlands scozzesi, vide i sostenitori di Carlo Edoardo Stuart, detto il "Giovane Pretendente" (detto anche "Bonnie Prince Charlie"), definitivamente sconfitti dalle forze lealiste comandate dal Duca di Cumberland, figlio di re Giorgio II, che per l'efferatezza della repressione portata avanti nei confronti dei giacobiti fu soprannominato "Billy il Macellaio".

Quella di Culloden fu l'ultima battaglia campale combattuta in Gran Bretagna, e nonostante si fosse in piena età moderna gli scozzesi utilizzarono sul campo concetti e strategie risalenti al Medioevo, inefficaci e superati; lo scontro si concluse con la loro disastrosa sconfitta.

«Non ho mai visto un'azione così grande, né una vittoria così completa»

(James Wolfe, 17 aprile 1746)
En otros idiomas