Battaglia di Canne

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Battaglia di Canne (1018).
Battaglia di Canne
parte della seconda guerra punica
Annibale a Canne.jpg
Annibale percorre trionfalmente il campo di battaglia di Canne dopo la vittoria
Data2 agosto 216 a.C.
LuogoCanne, nei pressi del fiume Aufido, Italia (attuale Puglia)
Esitovittoria cartaginese[1]
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
86.000 uomini di cui 75.000-80.000 fanteria, 2.400 cavalieri romani e 3.600 cavalieri alleati (8 legioni romane e 8 di alleati)28.500 fanteria pesante, 11.500 fanteria leggera, 10.000 cavalieri; Cartaginesi, alleati Numidici ed Iberici, mercenari Galli
Perdite
Secondo Polibio: circa 70.000 fanti, 6.000 cavalieri e 10.000 prigionieri[2]

Secondo Tito Livio: 45.500 fanti, 2.700 cavalieri e 19.300 prigionieri[3]
Secondo Tito Livio: 8.000[4]

Secondo Polibio[2]:5700Comprensivi di:

  • 4000 galli
  • 1.500 spagnoli e africani
  • 200 cavalieri
Voci di battaglie presenti su Wikipedia
(LA)

«Afris prope iam fessis caede magis quam pugna»

(IT)

«i Cartaginesi erano quasi più spossati per la strage compiuta che per il combattimento»

(Tito Livio, Ab Urbe condita libri, XXII, 48)

La battaglia di Canne del 2 agosto[5] del 216 a.C. è stata una delle principali battaglie della seconda guerra punica, ed ebbe luogo in prossimità della città di Canne[6] nell'attuale Puglia. L'esercito di Cartagine, comandato con estrema abilità da Annibale, accerchiò e distrusse quasi completamente un esercito numericamente superiore della Repubblica romana guidato dai consoli Lucio Emilio Paolo e Gaio Terenzio Varrone. È stata, in termini di caduti in combattimento, una delle più pesanti sconfitte subite da Roma, seconda solo alla battaglia di Arausio, ed è considerata come una delle più grandi manovre tattiche della storia militare.[1][7]

Riorganizzatisi dopo le precedenti sconfitte della battaglia della Trebbia (218 a.C.) e del Lago Trasimeno (217 a.C.), i Romani decisero di affrontare Annibale a Canne, con circa 86 000 tra soldati romani e truppe alleate.[8] I Romani ammassarono la loro fanteria pesante in una formazione più serrata del solito, mentre Annibale utilizzò la tattica della manovra a tenaglia. Questa manovra risultò così efficace che l'esercito romano fu annientato come forza di combattimento. A seguito della battaglia di Canne, la città di Capua, un tempo alleata di Roma, e altre città stato, cambiarono alleanza schierandosi con Cartagine.

En otros idiomas
Ænglisc: Cannae Beadu
العربية: معركة كاناي
azərbaycanca: Kanna döyüşü
تۆرکجه: کانا دؤیوشو
български: Битка при Кана
bosanski: Bitka kod Kane
čeština: Bitva u Kann
Cymraeg: Brwydr Cannae
Esperanto: Batalo de Cannae
עברית: קרב קאנאי
hrvatski: Bitka kod Kane
ქართული: კანეს ბრძოლა
한국어: 칸나에 전투
Nederlands: Slag bij Cannae
português: Batalha de Canas
srpskohrvatski / српскохрватски: Bitka kod Kane
Simple English: Battle of Cannae
slovenčina: Bitka pri Kannách
slovenščina: Bitka pri Kanah
српски / srpski: Битка код Кане
українська: Битва при Каннах
oʻzbekcha/ўзбекча: Kanna jangi
Tiếng Việt: Trận Cannae
中文: 坎尼會戰