Balletto dell'Opéra di Parigi

Balletto dell'Opéra di Parigi
Rain Opéra de Paris.JPG
I danzatori del Balletto dell'Opéra di Parigi durante il saluto alla fine del balletto Rain di Anne Teresa De Keersmaeker (2011)
Ovazione a Manuel Legris, étoile del Balletto dell'Opéra di Paris, al suo addio alle scene dopo la sua ultima interpretazione di Onegin di John Cranko, 15 maggio 2009
La Danza di Jean-Baptiste Carpeaux, creato per la facciata sud dell'Opéra Garnier (ora al Musée d'Orsay).
Alexandre Kalioujny, étoile, in un salto delle Danze Poloviciane nel Principe Igor, bronzo di Jacques Gestalder (Biblioteca-museo dell'Opéra)
Wilfride Piollet nel Lago dei cigni
Costume per La sagra della primavera, ripresa àll'Opéra national de Paris nel 1991, Marie-Claude Pietragalla nel ruolo dell'eletta.

Il Balletto dell'Opéra di Parigi (Ballet de l'Opéra national de Paris) è una delle più prestigiose compagnie di danza classica, oltre che la più antica.[1][2][3]. All'origine vi è la Académie royale de danse creata per volere di Luigi XIV nel 1661. Nel 1669, su impulso di Jean-Baptiste Colbert, viene creata l'Académie royale de musique, e nel 1671 le due accademie vengono fuse insieme. Ancora oggi la compagnia di balletto è parte integrante dell'Opéra national de Paris.

Il balletto si compone di 154 danzatori, di cui 14 primi ballerini e 18 étoiles[4]. Ogni stagione si esibisce in 180 rappresentazioni.[3]I danzatori che lo compongono sono al 95% usciti dalla scuola di danza dell'Opéra di Parigi,[5] considerata come la migliore del mondo.[3] La scuola si chiama oggi «École de Danse de l'Opéra national de Paris» e dal 1987 ha sede a Nanterre nei pressi del parco André Malraux, a dieci chilometri dal Palais Garnier[6].

Attraverso il reclutamento fatto quasi esclusivamente all'interno del proprio vivaio, la compagnia custodisce l'unità di stile della danza francese.[7]