Apocope

In linguistica, l'apòcope, detta anche troncamento, indica la caduta di un fono o di una sillaba nella parte finale di parola.

Il fenomeno può essere sia l'esito finale di un processo diacronico di mutazione della parola, che si attesta, in questo caso, sotto una nuova forma d'uso corrente (città(de) e libertà(de)), dove il "troncamento" è permanente e del tutto indipendente dal contesto fonologico circostante, sia l'effetto di un'esigenza eufonica che porta alla soppressione della parte finale della parola per evitare incontri o fenomeni fonetici, come la rima, avvertiti talvolta come cacofonici. Benché quest'ultimo caso assomigli molto al fenomeno dell' elisione, anch'esso di natura eufonica, l'apocope si differenzia per la capacità della parola "tronca" di conservare e comunicare il suo significato, anche se pronunciata isolatamente [1], cioè in assenza di un contesto frasale; la distinzione tra i due fenomeni ha importanti conseguenze ortografiche, poiché l'elisione è sempre accompagnata dall' apostrofo, mentre il troncamento solo in pochi casi.

En otros idiomas
aragonés: Apocope
العربية: حذف آخر
brezhoneg: Apokoptenn
català: Apòcope
čeština: Apokopa
English: Apocope
español: Apócope
eesti: Lõpukadu
euskara: Apokope
français: Apocope
galego: Apócope
Bahasa Indonesia: Apokope
日本語: 語尾音消失
қазақша: Апокопа
Кыргызча: Апокопа
Latina: Apocope
Plattdüütsch: Apokoop
Nedersaksies: Apokope
Nederlands: Apocope
norsk nynorsk: Apokope
norsk: Apokope
occitan: Apocòpa
português: Apócope
русский: Апокопа
srpskohrvatski / српскохрватски: Apokopa
slovenčina: Apokopa
svenska: Apokope
українська: Апокопа