Anarchia

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Anarchia (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Anarchico" rimanda qui. Se stai cercando il personaggio dei fumetti Marvel Comics, vedi Anarchico (personaggio).
La A cerchiata, uno dei simboli anarchici, molto diffuso dopo la metà del XX secolo, rappresenta la frase «Anarchia è Ordine»
(FR)

«L'anarchie, c'est l'ordre sans le pouvoir»

(IT)

«L'anarchia è l'ordine senza il potere»

(Pierre-Joseph Proudhon, Le confessioni di un rivoluzionario, per servire la storia della Rivoluzione di Febbraio[1])

L'anarchia (dal greco antico: ἀναρχία, ἀν, assenza + ἀρχή, governo o principio) è la tipologia d'organizzazione societaria agognata dall'anarchismo, basata sull'ideale libertario di un ordine fondato sull'autonomia e la libertà degli individui, contrapposto a ogni forma di potere costituito, compreso quello statale[2].

Nella sua accezione contemporanea, essa nasce terminologicamente con gli scritti del filosofo politico, economista e sociologo francese Pierre-Joseph Proudhon nella prima metà del XIX secolo, affondando idealmente in concetti propri del pensiero di autori quali l'umanista e politico Thomas More (Utopia), gli illuministi (Condillac[3], il Marchese de Sade[4], in parte Rousseau[5] e Diderot[6]) e lo scrittore e filosofo William Godwin. Contributori allo sviluppo del pensiero anarchico, quasi contemporanei a Proudhon, furono l'inventore, musicista e scrittore statunitense Josiah Warren, il rivoluzionario e filosofo Michail Bakunin, lo scrittore Lev Tolstoj e limitatamente ad alcuni sviluppi sopravvenuti nel secolo successivo anche il filosofo individualista tedesco Max Stirner e il pedagogista spagnolo Francisco Ferrer y Guardia.

Le interpretazioni che gli storici, i politici e gli stessi anarchici danno dell'anarchia sono varie e ramificate. Nel corso della storia con anarchia non si individua un'univoca forma politica da raggiungere e soprattutto non si concordano necessariamente i mezzi politici da utilizzare, spaziando dalla nonviolenza al pacifismo e all'insurrezionalismo rivoluzionario. Tutto lo spettro anarchico ha tuttavia come nucleo ideologico centrale un elemento comune: la necessità dell'annullamento dello Stato o in ogni caso delle più incombenti forme di potere costituito. Tutti gli anarchici sono cioè concordi nel considerare l'abolizione del potere condizione necessaria e obiettivo finale dell'evoluzione sociale. L'annullamento del potere dello Stato non implica l'annullamento dell'organizzazione sociale, bensì l'evoluzione verso una società non gerarchica in cui spesso viene sostenuta anche l'abolizione della proprietà privata.

Le suddette interpretazioni implicano almeno dal punto di vista fattuale una gamma di movimenti e linee di pensiero che spaziano dall'anarco-pacifismo e l'anarchismo cristiano di Lev Tolstoj, all'anarco-comunismo di Pëtr Alekseevič Kropotkin, all'insurrezionalismo di Errico Malatesta e ai movimenti anarchici contemporanei d'ogni genere, a volte slegati dalle teorie fondamentali e dal loro sviluppo storico.

Il termine anarchia era ed è a volte impropriamente utilizzato per descrivere il caos nel primigenio significato mitologico e situazioni di disordine sociale quindi di illegalità, spesso mutuando significati propri del caos inteso nel senso fisico di disordine entropico. Per evitare questa confusione tra termine politico e gergale e per sfuggire a censure venne utilizzato contemporaneamente dal 1857 il termine libertario, coniato da Joseph Déjacque e subito utilizzato largamente in Francia aggirando la censura statale. Acrazia infine è analogo termine di uso francofono meno diffuso in lingua italiana. Anarchia, libertarismo e acrazia diventano quindi sinonimi a partire dalla seconda metà del XIX secolo, con sfumature relative al contesto e alle epoche. Con anarchia si intende la prospettiva politica e il progetto sociale mentre con anarchismo, in modo più stringente si intende la teoria in sé e il ramificato movimento concreto di lotta, in gran parte continuazione ideale dell'opera della Rivoluzione francese, epurata dai relativi errori, descritti da Godwin nel saggio Giustizia politica.

En otros idiomas
aragonés: Anarquía
العربية: لا سلطة
azərbaycanca: Anarxiya
Boarisch: Anarchie
žemaitėška: Anarkėjė
Bikol Central: Anarkiya
беларуская: Анархія
български: Анархия
bosanski: Anarhija
català: Anarquia
کوردی: ئەنارکی
čeština: Anarchie
dansk: Anarki
Deutsch: Anarchie
English: Anarchy
Esperanto: Anarkio
español: Anarquía
eesti: Anarhia
euskara: Anarkia
فارسی: بی‌دولتی
suomi: Anarkia
français: Anarchie
galego: Anarquía
עברית: אנרכיה
हिन्दी: अराजकता
hrvatski: Anarhija
Kreyòl ayisyen: Anachi
Bahasa Indonesia: Anarkis
日本語: 無政府状態
ქართული: ანარქია
қазақша: Анархия
한국어: 무정부 상태
kurdî: Anarşî
Latina: Anarchia
lumbaart: Anarchia
lietuvių: Anarchija
latviešu: Anarhija
македонски: Анархија
эрзянь: Азортомочи
नेपाल भाषा: अव्यवस्थावाद
Nederlands: Regeringsloosheid
norsk nynorsk: Anarki
norsk: Anarki
ਪੰਜਾਬੀ: ਰਾਜਹੀਣਤਾ
polski: Anarchia
română: Anarhie
русский: Анархия
sardu: Anarchia
sicilianu: Anarchìa
Scots: Anarchy
srpskohrvatski / српскохрватски: Anarhija
සිංහල: අරාජික
Simple English: Anarchy
slovenščina: Anarhija
Soomaaliga: Fowdo
shqip: Anarkia
српски / srpski: Анархија
svenska: Anarki
Tagalog: Anarkiya
татарча/tatarça: Анархия
українська: Анархія
vèneto: Anarchìa
მარგალური: ანარქია
ייִדיש: אנארכיע