Amstrad CPC 464

1leftarrow blue.svgVoce principale: Amstrad CPC.

Amstrad CPC 464
Amstrad CPC464.jpg
Amstrad CPC 464 con monitor a colori
Classe di computerhome computer
Paese d'origineRegno Unito Regno Unito
ProduttoreAmstrad
Presentazione1984
Inizio vendita1984
Fine vendita1990
Prezzo di lancio£ 249 (con monitor monocromatico)
£ 349 (con monitor a colori)
CPUZilog Z80
Frequenza4 MHz
FPUnon presente
MMUnon presente
Altri coprocessoriULA
ROM32 kB
RAM di serie64 kB
Slot esterni1 porta parallela
1 porta joystick
1 porta per floppy disk
1 porta DIN per monitor esterno
1 ingresso audio
1 uscita audio
1 porta di espansione
Tastiera incorporatasì (alfanumerica)
Display incorporatomonitor CRT abbinato (monocromatico o a colori, a seconda del modello)
Drive incorporati1 lettore di nastri
Scheda videoHitachi HD6845 CRT
RAM video16 kB
SO di serieFirmware proprietario
Altro software di serieLocomotive BASIC 1.0

L'Amstrad CPC 464 è un home computer ad 8 bit prodotto dall'inglese Amstrad e commercializzato dal 1984 al 1990. In Europa è stato uno dei microcomputer più di successo essendo stato venduto in più di 2.000.000 di unità.[1][2]

Il computer fu voluto direttamente dal presidente di Amstrad Alan Sugar, società che fino ad allora si era dedicata esclusivamente alla produzione di sistemi Hi-Fi, desideroso di entrare nel mondo dell'informatica domestica dopo il buon successo ottenuto dallo ZX Spectrum, uscito nel 1982.[2] Presentato nel 1984, l'Amstrad CPC 464 (CPC stava per "Colour Personal Computer") si mise in diretta concorrenza del già citato ZX Spectrum e del Commodore 64: nonostante utilizzasse componenti già da tempo in commercio e comuni ad altri sistemi, come la CPU Zilog Z80, da cui derivavano caratteristiche non eccellenti ma comunque discrete per un computer di quella fascia di prezzo ed in linea con quelle della concorrenza, il CPC 464 riuscì ad affermarsi non solo sul suolo inglese ma anche in diversi altri Paesi europei grazie al suo prezzo di vendita contenuto che comprendeva un sistema completo, composto da un'unità centrale con tastiera integrata, un monitor e un registratore a cassette.[1] Rimase in commercio, nonostante la presentazione di diversi computer derivati da esso, fino al 1990, quando fu definitivamente tolto dal commercio per far spazio alla sfortunata console GX4000.[2]

En otros idiomas
čeština: Amstrad CPC 464
español: Amstrad CPC 464
français: Amstrad CPC 464
српски / srpski: Amstrad CPC 464