Etruschi

Coppiu etruscu, Museu Naziunali di Firenza.

L' Etruschi funi un populu di l'Italia antica chì accupava un'aria dinuminata Etruria, currispundenti à l'incirca à a Tuscana, à l' Umbria finu à u fiumu Tibaru è à u Laziu sittintriunali, incù un' estinsioni in Liguria è versu a zona padana di l' Emilia-Rumagna è di a Lumbardia, à parta da l' VIII seculu a.C..

In a so lingua si chjamavani Rasenna o Rasna, in grecu Tyrsenoi (in ionicu è in atticu anticu: Τυρσηνοί, Türsenòi; doricu: Τυρσανοί, Türsanòi, tremindù cù u significatu di "Tirreni" è dopu "Etruschi" o "Tusci", abitanti di a Τυρσηνίη, Türsenìe, "Etruria"). [1]

A civiltà etrusca, ritinuta da parechji studii com'è discindenti di a cultura villanuviana, fiurì à parta da u X seculu a.C. è fù difinitivamenti inglubata in a civiltà rumana, influinzata da l'etruschi, à u terminu di u I seculu a.C. Stu longu prucessu di cunquista è assimilazioni culturali cuminciò incù a data tradiziunali di a cunquista di Veio par opara di i rumani in 396 a.C.. [2]

Urighjina

Cumplessu tirmali etruscu è rumanu di Sasso Pisanu

Nantu à l'urighjina è a pruvinienza di l'Etruschi hè fiurita una nutevuli litteratura, micca solu storica è archiulogica. I nutizii chì ci pruvenini da fonti storichi sò infatti piuttostu discurdanti. In l'antichità funi elaburati principalamenti trè tesi diffarenti: a prima chì susteni a pruvinienza uriintali ripurtata da Erodutu, storicu grecu vissutu in u V seculu a.C.; a siconda chì susteni l'autuctonia di l'Etruschi elaburata da u grecu Dionigi d'Alicarnassu vissutu in u I sec. a.C., è a terza chì susteni a pruvinienza sittintriunali elaburata nantu à a basa di un strattu di Titu Liviu.

In tempi più ricenti, studii muderni ani iputizatu una quarta tesa, vali à dì a cuesistenza di tutti è trè tiurii classichi [3]. Sempri più novi studii, cundutti grazia à tecnulugii di nova generazioni di siquinzamentu di u DNA (NGS), dariani inveci raghjoni à a virsioni di Dionigi d'Alicarnassu [4].

L'Etruschi sò sempri stati cunsidarati com'è à un populu unitariu dipoi a so preistoria. Eppuri l'Etruschi, com'è unità, ani esistutu solu à parta da l' VIII seculu a.C. incù una probbia lingua è incù probbii usanzi, bench'eddi ùn fussini cusì omugeni in i varii rigioni ind'eddi sariani stati par pudè nigà chì eddi, com'è unità etnica, funi u risultatu di l'unioni di parechji populi. Hè certu, infatti, sicondu ciò chì hè statu tramandatu di a so storia è da ducumenti munumintali chì sò fermi, ci sò elementi italichi, egizziani, grechi, siriu- fenichi [5], mesuputamichi, urartei [6], induiranichi [7] [8]. In ogni modu, hè cumunamenti accittatu chì u populu etruscu si sii furmatu in a terra cunnisciuta com'è Etruria, trà i fiuma Tibaru è Arno, da a costa tirrenica à i cateni di l' Appinninu. [9] [10]

Fonti storichi nantu à l'urighjini

A Necropula di Populonia.

I fonti storichi nantu à l'urighjini di l'Etruschi, sippuri incù calchì variazioni, si poni sustanzialamenti riducia à trè iputesi diffarenti: pruvinienza uriintali, tesa di l' autuctunia è pruvinienza da sittentrionu (u nordu).

Iputesa di a pruvinienza uriintali

Sicondu una tradizioni lidia rappurtata da u storicu grecu Erodutu di u V seculu a.C. [11] l'Etruschi sariani ghjunti da a Lidia [1] (attuali Turchia anatolica miridiunali), salpati da u portu di Smirne dopu à una caristia. Sottu a vida di Tirrenu, figliolu di Ati, [1] (o sicondu un'antra tiuria, di Tirrenu è di u frateddu Tarconte, in stu casu figlu di u rè Telefo di Misia), intornu à u XIII seculu a.C., avariani à u principiu "oltripassatu molti populi" è sariani infini ghjunti " vicinu à l' Umbri (nantu à i costi uccidintali di l'Italia) è in u so paesi ani custruitu 12 cità, induva sempri oghji viviani". I Lidii ghjunti in Italia avariani dopu cambiatu u so nomu in Tirreni da u nomu di un di i dui cunduttieri, più tardi incù u terminu latinu di Tusci, [1] derivanti da u ritu sacrificali. [12]

A tesa erudutea di a pruvinienza uriintali, hè stata accittata guasi unanimamenti da i scrittori antichi è hà cundiziunatu ancu i studii muderni [13], basati annantu à i tratti uriintali prisenti in parechji manifistazioni di a civiltà etrusca. I numarosi affinità di l'Etruschi incù u mondu egeu-anatolicu, prisenti in i custumi, in a lingua, in l'arti è in a riligioni, poni eppuri essa duvuti ancu à i cuntatti cummirciali è culturali incù sti pupulazioni è da l'immigrazioni in Etruria di gruppi di variu liveddu suciali appartinenti à quiddi civiltà (cultura uriintalizanti)

À l'internu di a tesa di a pruvinienza uriintali, in antichità fù dighjà elaburata un'iputesa pelasgica. Sicondu Ellanico di Lesbo, storicu grecu di u V seculu a.C., l'Etruschi sariani stati Pelasgi, un populu miticu urighjinariu di a Grecia sittintriunali chì s'hè stallatu dopu in parechji rigioni di u Mari tarraniu, i quali si sariani stabiliti in a zona di l' Etruria dendu si u nomu di Tirreni.

Un antru sustinidori di a tiuria di i Pelasgi fù Anticlide, un storicu vissutu à a fini di l' IV seculu a.C., sicondu u quali i Pelasgi, dopu à avè culunizatu l'isuli di Lemno è Imbro in u Mari Egeiu, si sariani aggrigati à Tirrenu è avariani participatu à a spidizioni versu i costi di l'Italia. [14]

L'iputesa uriintali pari cunfirmata da parechji muderni studii genetichi effittuati da l' Università di Turinu nantu à i pupulazioni di Murlo è Volterra, situati in u nucleu uriginali di a civiltà etrusca, chì prisintaria aplugruppi è mDna moltu simili à quiddi di i pupulazioni oghjinchi di i costi anatolichi [15] è di u Vicinu Urienti [16].

Iputesa di l'autuctunia

Un'antra tradizioni, rappurtata da u storicu Dionigi d'Alicarnassu (vissutu duranti l' imperu augusteu - I seculu a.C.), susteni l'urighjina autuctona di u populu etruscu. In particulari afferma chì trà l'Etruschi, i Lidii è i Pelasgi ùn ci erani micca affinità culturali, riligiosi è linguistichi è chì l'Etruschi, chì chjamavani sè stessi Rasenna (è l'avaristi saputu da l'etruschi stessi; infatti, pari chì avendu dumandatu à un etruscu quali eddi erani, li fù rispostu: Rasna o Rasenna), ùn erani micca un populu "vinutu da fora", ma un populu antichissimu, attribuiscendu - frà altru - probbiu à l'antichità l'indecifrabilità di a lingua etrusca (Antichità Rumani I, 25-30). Sta tradizioni ùn hè parò micca suppurtata da ughjetti archiulogichi (com'è a stela di Lemno, incù scrizzioni affini à l'etruscu, è u fecatu di Piacenza), grazia à qualessi si pò suppona chì u terminu "Rasna" o "Rasenna" ùn indicaria micca u nomu di l'etnia etrusca, ma pudaria essa intesu com'è "Ra-sna" chì in anticu lessicu significaria "eiu sò figliolu di..." oppuri "discendu da...".

Iputesa di a pruvinienza d'oltr'Alpi

Da un strattu contruversu di Titu Liviu, chì alludi à a dirivazioni di i Reti, pupulazioni alpina di i vaddi di u Trentinu-Altu Adige, da l'Etruschi (Storii, V, 33, 11), si pudaria inveci diducia chì quist'ultimi erani da u sittintrionu (u nordu) à traversu l'Alpi. Sta tiuria, cunsidarata dopu infundata [17], hè stata introdutta in u XVIII seculu (Fréret) ed hè stata sviluppata dopu in u XIX seculu (Niebuhr è Müller) suvitendu l'affirmazioni liviana è a sughjistiva sumiglianza di u nomu di i Reti (Rhaeti) incù quiddu di i Rasenna. Ferma puri sempri pussibuli l'iputesa di Titu Liviu chì l'Etruschi avariani culunizatu ancu u Trentinu-Altu Adige, assumendu ci u nomu di Reti.

In ogni casu, nisciuna di i tiurii antichi, ancu incù i rielaburazioni uparati da i studii muderni rializati à traversu cunsidarazioni pruvinenti da parechji duminii disciplinari, hà truvatu pienu cunfortu scentificu in i provi archiulogichi.

Altri iputesi

Guerrieri etruscu, scupartu in Viterbo in circa 500 a.C

Iputesa linguistica: dirivazioni da i lingui caucasichi

Parechji linguisti russii (Sergei Starostin, Vladimir Orel, Igor M. Diakonoff [18] [19]) mettini in rilazioni i lingui tirrenichi è i lingui caucasichi nordurientali, basendu si nantu à a presunta currispundenza in i strutturi grammaticali, in a funulugia, in i numerali, trà a lingua etrusca, i lingui hurru-urartei, è i lingui caucasichi nordurientali.

Iputesa linguistica: dirivazioni da l'anticu lidiu

A tiuria furmulata da u linguista Massimu Pittau si basa nantu à a supposta dirivazioni di a lingua sarda è di quidda etrusca da l'antica lingua lidia. Sicondu sta tiuria, l'Etruschi pruvinariani da a Lidia, in accordu incù u racontu d' Erodutu. 'Ssa migrazioni, eppuri, saristi avvinuta par tappi, prima in Sardegna, induva avaria datu urighjina à a civiltà nuragica intornu à u XIII seculu a.C., è dunqua nantu à i costi tirrenichi di l' Italia cintrali, induva a civiltà etrusca si saria sviluppata à parta da u IX seculu a.C. [20]

Iputesa linguistica: etruscu forma arcaica di ungaresu

In u libru Etruscu: una forma arcaica di ungaresu u gluttologu Mario Alinei pruponi, in cuerenza incù a Tiuria di a Cuntinuità da u Paleuliticu, d'idantificà l' etruscu com'è una fasa arcaica di l'attuali lingua ungaresa [21], appartinenti à i lingui ugrichi (o ugru-finnichi). Sicondu Alinei tantu l'etruscu ch'è l'ungaresu sariani dui lingui agglutinanti, incù accentu nantu à a prima sillaba, è avariani listessa armunia vucalica, è solu cunsunanti occlusivi sordi. L'iputesa d'Alinei ùn escludaria micca un'affinità di l'etruschi incù l'attuali pupulazioni anatolichi, parchì l' Ungaresi, sicondu i risultati di ricenti ricerchi genetichi [22] risultani "una pupulazioni affine à l' Iraniani (in quantu discindenti di i Sciti è l' Osseti di u I millenniu a.C.) è à i Turchi" [23]. I turchi spartariani incù l'ungaresi l'appartinenza à listessu gruppu linguisticu uralu-altaicu (chì cumprendi ancu i lingui ugru-finnichi), è, sicondu Alinei, ancu l'appartinenza à a listessa pupulazioni chì invasi in u III millenniu a.C. u bacinu Carpaticu, pruvinenti da a cultura kurgan, fiurita à i cunfini trà l' Auropa uriintali è l' Asia cintrali. Da u bacinu carpaticu, sempri sicondu l'iputesa d'Alinei, una parti di a pupulazioni saristi partita in u II millenniu a.C. versu a penisula taliana, induva deti vita à a civiltà etrusca. Mentri solu in ebbica altu-mediivali, si sariani furmati i pupulazioni ungaresi è turchi, incù l'invasioni di l'attuali Ungaria (in l' 896) è Turchia (trà u V è u X seculu d.C.).

Iputesa di l'autuctunia: etruschi è culunisazioni nuragichi

Sicondu Ghjuvanni Ugas, l'Etruschi sariani piuttostu di urighjina autuctona, incù a soprappusizioni di culunisazioni nuragichi duranti u I millenniu a.C. A migrazioni di u XII seculu a.C. saristi par via di cunsiquenza avvinuta à parechji ripresi da l'uccidenti versu l'urienti, piuttostu ch'è u cuntrariu. Quissa saria cunfirmata da i ducumenti egizziani chì citani i Tereš o Turšà (Tyrsenoi o "Tirreni") accantu à i Shardana (o Sardi) trà i Populi di u Mari. U stessu terminu "Tyrsenoi" in lingua greca pudaria significà "custruttori di torri", fattu chì dimustraria l'affinità frà a civiltà nuragica è quidda etrusca. [20]

Sicondu u scrittori latinu Festo, i rè Etruschi erani Sardi o d'urighjina sarda:

« Reges soliti sunt esse Etruscorum, qui Sardi appellantur. Quia Gens etrusca, Horta est Sardibus (Sò soliti à essa rè di l'Etruschi quiddi chì si chjamani Sardi. Dunqua a ghjenti etrusca hè urighjinaria da i Sardi) »

In rialità l'affirmazioni pricidenti ùn hè micca curretta parchì a frasa hè stata estratta da u so cuntestu riali.

In Festo in u so De verborum significatione lighjimu:

« Sardi venales alius alio nequior : ex hoc natum proverbium videtur, quod ludi Capitolinis qui fiunt a vicinis praetextatis, auctio Veientium fieri solet, in qua novissimus idemque deterrimus producitur a praecone senex cum toga praetexta, bulla-que aurea, quo cultu reges soliti sunt esse Etruscorum, qui Sardi appellantur, quia Etrusca gens orta est Sardibus ex Lydia. »

Da quissa hè faciuli à prisenta chì ùn si parla micca di l'urighjina Sarda di l'Etruschi nè mancu si alludi à una prisenza di rè Sardi frà i Rasna. U puntu essinziali di l'infrasata inveci hè a toga chì era indussata in i Ludi Capitulini. Infatti senex cum toga praetexta, bulla-que aurea, quo cultu reges soliti sunt esse Etruscorum significheghja chì un vechju indussava a toga pritesta (in latinu toga praetexta) è una bulla d'oru (un brevu). A toga è a bulla erani avvezzi à purtà i rè di l'Etruschi, chì sò da a cità di Sardi in Lidia.

Ancu Plutarcu sustinia chì l'Etruschi erani cunsidarati com'è culoni da l'abitanti di Sardi è Veiu era una cità etrusca. [24]

Iputesa di i populi di u mari

Un di i populi di u mari citati in i testi egizziani sò i Tereš o Turšà, populu di sterpa prubabilamenti micca induaurupea cullucatu in a parti sittintriunali di l' Anatulia, chì parini culligati à i Tirsenoi o "Tirreni", veni à dì à l'Etruschi. 'Ss'idantificazioni pari cunfirmà u racontu d' Erodutu cuncirnendu l'urighjina anatolica di stu populu, ma soprattuttu a mitica parintedda di l'Etruschi incù i Troiani cantata da Virghjliu in l' Eneidi. I rapporti di i Tirreni o Etruschi cù u mondu Meditarraniu uriintali di l'isula di Lemno (chì si trova à pochi migli innanzi à Troia) simbraria esista in seguitu à u ritruvamentu di a cusidditta Stela di Lemno, una scrizzioni scuparta in 1885, in qualessa hè attistata a Lingua lemnia, un dialettu simili à l' etruscu. Una stela simula hè quantunqua ughjettu di studii in quantu pari culligata à u VI seculu a.C.

Furmazioni è pruvinienza

Ùn hè micca menu impurtanti l'upinioni di Massimu Pallottino, u quali hà sottuliniatu, in l'intruduzioni di u so manuali Etrusculugia (Milanu, 1984), chì u prublemu di l'urighjina di a civiltà etrusca ùn saria micca cintratu nantu à a pruvinienza, ma piuttostu nantu à a furmazioni. Hà mustratu chì, par a maiò parti di i populi, micca solu di l'antichità ma ancu di u mondu mudernu, si parla sempri di furmazioni, mentri par l'Etruschi inveci s'hè postu sempri u prublemu di a pruvinienza. Sicondu Pallottino, a civiltà etrusca s'hè furmata in un locu chì ùn pò ch'è essa quiddu di l'antica Etruria; à a so furmazioni ani senza dubbitu cuntribuitu elementi autuctoni è elementi uriintali (micca sulamenti Lidii o Anatolichi) è grechi, par via di i cuntatti di scambiu cummirciali intrattinuti da l'Etruschi incù l'altri populi di u Mari Tarraniu. In a civiltà etrusca chì era in traccia di furmà si, lasciàni dunqua a probbia impronta i cummircianti uriintali (si pensa à l'elementi uriintali in a lingua etrusca o à u periodu artisticu cusiddittu uriintalizanti) è i culoni grechi chì approdani in u Meridione d' Italia in l' VIII seculu a.C. (u santacroci stessu aduttatu da l'Etruschi hè chjaramenti un santacroci di matrici greca, è l'arti etrusca hè influinzata da i mudeddi artistichi di l'arti greca) [20].

Ricenti acquisizioni da a genetica di i pupulazioni

Un cuntributu à a problematica di l'urighjini di l'Etruschi ci veni ancu da a genetica di i pupulazioni [25]. In 2004 Guido Barbujani di u dipartimentu di biulugia di l' Università di Ferrara hà analizatu u DNA di parechji schelatri pruvinenti da tombi etruschi dislucati in parechji zoni di l'antica Etruria [26]. Da u studiu hè emersu chì u DNA di l'antichi Etruschi saristi abbastanza simili à quiddu di l'attuali abitanti di l'Anatulia, mentri ùn ni risultaria micca particulari affinità incù quiddu di l'attuali pupulazioni di i zoni d'Italia chì funi abitati da l'Etruschi.

In 2007, una squatra vidata da Antonio Torroni di l' Università di Pavia hà studiatu u DNA di l'abitanti viventi da almenu trè generazioni in i centri di Murlo, Volterra è di a Vaddi di u Casentino incù quiddu d'altri pupulazioni taliani è estari [27]. Da a cumparazioni hè emersu chì u codici geneticu di l'individui di Murlo, Volterra è di u Casentino hè moltu più simili à quiddu di l'abitanti di i costi turchi chì dani nantu à u Mari Egeiu.

Un antru studiu cunduttu da a squadra di Paolo Ajmone Maran di l' Università Cattolica di u Sacru Cori di Piacenza hà analizatu u DNA di i buini tuscani (di razza Chianina è Maremmana), chì hè risultatu geneticamenti simili à quiddi di i buini di l'Anatulia [28].

Villanuviani

Ebbica Villanuviana

Fonti etrusca Sassu Pisanu

A più antica minzioni di l'Etruschi firmata hè quidda di u scrittori Esiodu, scritta in u so puema Tiugunia, in u quali, à u versu 1016, minziuneghja "tutti i populi illustri di a Tirrenia" [29] vuluntariamenti à u plurali, postu ch'eddu intindia cumprenda la ghjenti micca greca d'Italia. Esiodu scrivia i so versi à l'iniziu di u VII seculu a.C.: à stu periodu ( 690 a.C.- 680 a.C.) ricoddani i più antichi scrizzioni etruschi cunnisciuti, i quali, parò, facini dighjà usu di quidd'salteriu chì senza dubbitu i cummercianti etruschi aviani amparatu par via di cuntatti incù i Grechi à u centru cummerciali di Cuma, almenu settant'anni prima. [30]

Tandu, postu ch'è ùn hè micca pussibuli chì a nazioni etrusca si sii affirmata à l'impruvisu, hè chjaru chì a so furmazioni fù u risultatu di un lentu è prugrissivu cunsulidamentu in terra italica. Incù tutta prubabilità, par quissa, esistia dighjà una cultura chì tindia à furmà si nantu à u tarritoriu di a Penisula in parechji rigioni, ancu distanti trà eddi: è quista ùn pò essa ch'è quidda di a civiltà villanuviana. [30]

U terminu "villanuvianu" deriveghja da u nomu di un picculu paesi in a periferia di Bologna induva, in u 1853, u conti Ghjuvanni Gozzadini, passiunatu archiulogu, scuprì una tomba chì avia carattaristichi moltu particulari. L'elementu chì distinguia i sipulturi era u vasu ussuariu (veni à dì cuntinenti i resti di u defuntu) à forma biconica, incù un picculu scudeddu par cuparchjulu, dipostu in una stanza prutetta da pareti di petra. [30]

Urna cineraria incù cuparchjulu scuparta à Chjusi, ricuddanti à u seculi IX- VII a.C.

I studii ritenini chì ci saria stata una fasa "priparatoria" di sta cultura, ditta protuvillanuviana riferita à l' Ità di u Bronzu finali ( XII- X seculu a.C.); cultura diffusa in u Mantovanò, in l' Umbria, in Tuscana, in u Laziu, in Campania, in Sicilia è in l' isula di Lipari. Ci sò ghjà tutti i premissi chì cunduciarani dopu à u villanuvianu veru è probbiu; ùn ebbini micca ultiriori sviluppu in i paesi miridiunali par via di a nascita pricoci di quiddi influssi chì purtàni à a culunisazioni greca ( VIII seculu a.C.). [30] Un di l'elementi chì più à spessu si notani - probbiu parchì liatu à a sipultura di i cennari di i defunti (incinnarazioni) - hè l' ussuariu. Ni esistini molti tipi, spessu travagliati incù un arti moltu fini: l'effettu artisticu hè datu da linii dritti, sigmenti, diprissioni è disegni giumetrichi; eppuri, à spessu a pasta di arzilla, chì era chjamata "ceramica d'impastu", hè piuttostu roza. [30]

In calchì casu, di manera evidenti si tratta di sipulturi di guerrieri  u vasu biconicu hè cupartu da un elmu di bronzu. Quandu quist'usanza ghjunsi in u Laziu, i cennari di u defuntu pudiani essa posti in un'urna in terracotta chì ci vulia ch'edda t'avissi a forma d'una capanna. [30]

In a penisula italica, parò, emerghjini è si rinforzani culturi rigiunali, chì sò spessu liati à a natura di u tarritoriu in u quali eddi s'affermani: cuntinueghja a vita numadi è pasturali in i Marchi sittintriunali, in Abruzzu, in u Laziu sittintriunali, in Irpinia, in u Sanniu è in Calabria, mentri in u Laziu sittintriunali, in a Tuscana custiera è in l' arcipelagu tuscanu approdani naviganti pruvinenti da u Mari Tarraniu uriintali à a ricerca di metalli, u farru essendu à l'ebbica un di i minirali più priziosi. [30] Si cuntinueghja à travaglià ancu u bronzu, ma stu matiriali ùn hè micca d'usu cumunu com'è u pricidenti; servi par picculi ughjetti dicurativi, par statuetti vutivi o par recipienti liati à u cultu. Ancu s'è i diffirinziazioni rigiunali sò enormi, pari chì in stu periodu si fessi senta a nicissità di una vita in cumunu, di calchì forma d'assuciazioni frà i varii tribù di u tarritoriu italicu: cumincetini à furmà si i primi agglumerati urbani incù i so cimiterii. [31]

I tombi, infatti, tistimunieghjiani a prisenza di un anticu allucamentu. Isulati, parini firmà com'è i duminii di l'Etruria interna, in i rigioni più inuspitali, mentri i paesi in vicinanza di u mari o di vii di cumunicazioni fluviali si rivelani moltu attivi. I principali cità custieri sorghjini à pochi chilomitri da a costa, l'unica cità abitata etrusca nantu à u mari essendu stata prubabilamenti Populonia (in lingua etrusca Pupluna o Fufluna), mentri l'altri cità custieri parini di solitu dutati d'insidiamenti marittimi com'è Regisvilla par Vulci, l'insidiamentu etruscu vicinu à a culonia rumana di Gravisca è u scalu di Pyrgi par Cerveteri. Quissa significheghja chì calchiadunu, siguendu i stradi parcorsi da i Critesi è da i Micenii, cuntinuava à visità i costi taliani in cerca di farru, chì n'erani ricchi i terri tirrenichi. [31]

Ci sò quantunqua, lucalità com'è Populonia, situata nantu à u mari, di fronti à l' Isula d'Elba, di qualessa avemu boni tistimunianzi. Fù forsi, in u periodu villanuvianu un di i principali porti par l'imbarcu di u ramu o di l' arghjentu travagliatu; solu più tardi, in u periodu etruscu, divintò "portu di u farru". Un scrittori anticu, di u quali ignuremu u nomu è chì l'autori di studii chjamani Pseudu Aristoteli, afferma chì à Populonia si estraiia u ramu: u provani, infatti, scorii di a lavurazioni di stu minerali è resti di furnaci chì erani impiigati à stu scopu. Più tardi Populonia divintò tantu impurtanti chì in u so tarritoriu si travagliava u farru estrattu in l'Isula d'Elba. [32]Intornu à u portu, situatu in l'attuali arcu di u Golfu di Baratti, ci erani dui paesi, com'è dimostrani i dui distinti necropuli: una ditta San Cerbone è l'altra chjamata Poggio di i Granate. Ci sò tombi à pozzu d'incinnarazioni è tombi à fossa più ricenti. Sii in quist'ultimi, sii in quiddi à camara i ninnuli funebri sò listessi. [32]

Cusì i Villanuviani si didicàni par longu tempu à l'estrazioni di minirali è di matiriali da custruzzioni. Quissa hè attistata da i resti di minieri in Tuscana è in l'altu Laziu. In i cuddini, ditti par appuntu Metallifari, è in a zona campiglia si estraiia ramu, piombu arghjintifaru è cassiteriti; in a Val' di Cecina ramu, piombu è arghjentu; in u massicciu di u Monti Amiata c'erani rocci mercurifari; in i Monti di a Tolfa minirali farrosi, piombu, zingu è mercuriu; farru in l' Isula d'Elba; tufi vulcanichi, arenarii è calcarii in l'altu Laziu; travertinu è alabastru in l'Etruria sittintriunali. [32]

Sicondu i più ricenti richerchi, pari chì i più antichi Villanuviani di l'Etruria probbia si fussini cuncintrati in trè grandi centri: unu hè quiddu chì cumprendi a rigioni di i Monti di a Tolfa, frà Tarquinia è Cerveteri; un sicondu hè quiddu situatu in a media vaddi di u fiumu Fiora, frà a zona archiulogica di Vulci è a selva di u Lamone à punenti di u Lavu di Bolsena; u terzu hè custituitu da i fasci cuddinari intornu à a Cetona frà Radicofani, Chjusi è Cità di a Pievi. [32] Prubabilamenti i trè allucamenti, di qualessi i dui miridiunali si diffarinzieghjani maghjuramenti rispettu à u centru di Cetona, si riferiscìani à ecunumii distinti è autusufficienti, à a basa di qualessi c'erani, quantunqua, l'estrazioni è a lavurazioni di i minirali, com'è attività carattaristica, chì erani purtati à a costa par l'imbarcu. [32]

I Villanuviani, dunqua, à u mumentu culminanti di a so espansioni, diviani essa diffusi annantu à un'aria molta vasta, chì và da l' Emilia-Rumagna à l' Italia miridiunali in u situ di Pontecegnano in Campania. Ci sò parechji iputesi nantu à a so urighjina ma pudariani essa i discindenti diretti di i populi di a civiltà appenninica chì scendi duranti tutta l' Ità di u Bronzu finali è chì hà i so centri maiò di scuparta longu a dursali muntosa di l'Italia cintrali. Si trattava di ghjenti didicati à un'ecunumia pasturali, da a quali i Villanuviani, è dopu l'Etruschi, amparetini l'amori di a terra è di l'animali. [32]

Cusì si capisci ch'è i civiltà italichi aghjini carattari probbii è antichi, liati à tradizioni particulari di u paesi in u quali si sviluppàni; solu incù u cummerciu marittimu chì esplosi da u VIII seculu a.C. s'aprarani i traffichi è i scambii soprattuttu incù l'Urienti grecu è l'ambienti feniciu cartaghjinesu. [32]

I primi insidiamenti etruschi

Cumplessu termali etruscu è rumanu di Sassu Pisanu

In u IX seculu a.C. in l'arii carattarizati da a civiltà villanuviana si righjistreghja a tindenza marcata di i pupulazioni à abbandunà l' altupiani, annantu à i quali s'erani cullucati in u periodu protuvillanuvianu ( XII seculu- X seculu a.C.), par spustà si annantu à pianuri è cuddini annantu à i quali surghjarani i principali cità etruschi, dendu vita à centri di diminsioni maiò. 'Ssu cambiamentu radicali rispondi à esigenzi ecunomichi liati à u più raziunali sfruttamentu di i risorzi agriculi è minerarii è à a scelta di cullucà si in prussimità di vii di cumunicazioni naturali è di approdi fluviali, lacustri è marittimi par raghjoni di natura cummirciali.

Da i scavi effittuati, u tarritoriu apparisci divisu in vasti zoni articulati in gruppi di paesi vicini trà ieddi, ma incù necrupoli distinti (ni ani fattu ughjettu di studiu Gilda Bartoloni è Ghjuvanni Culonna).

Par a ricustruzzioni di l'abitazioni, rializati incù matiriali diperibili (legnu è arzilla), si pò imprudà un numaru piuttostu limitatu di scuparti di superficia è di i mudeddi rapprisintati da l'urni à forma di capanna. I capanni aviani un pianu ellitticu, circulari, rittangulari, o quatratu di diminsioni molti varii eccittuatu pà a forma. L'abitazioni erani di solitu sustinuti da pali insiriti indrentu u perimetru par u sustegnu di u tettu è à l'esternu par i pareti. Ci erani parò ancu abitazioni moltu incasciati in u tarrenu è u tettu pughjava tandu annantu à un arghjina di terra è di sassa. Parechji capanni mostrani ancu una ripartizioni interna. U fuculari di solitu era situatu à u centru. U tettu pudia essa à quattru o à dui faldi. L'abitazioni, inoltri, aviani una porta nantu à u latu u più cortu, abbaini nantu à u tettu par l'isciuta di u fumu è calchì volta ancu balcona.

Par quantu riguarda l'urganisazioni interna di i paesi, s'hè ussirvatu chì i capanni sò distanziati l'uni da l'altri da spazii bioti di misura varievuli, prubabilamenti imprudati par l'attività agriculi. S'hè fattu dopu l'iputesa chì i capanni quadrangulari avissini una funzioni abitativa, mentri quiddi di forma rittangulari o uvali fussini imprudati com'è staddi è magazeni. Frà altru l'impussibilità d'accirtà a cuntimpuraneità di l'usu di i parechji strutturi ùn parmetti micca di cunfirmà o infirmà l'iputesi. Si pò quantunqua affirmà chì i strutturi chì ùn prisentani micca u fuculari pudariani essa intarpritati com'è avendu funzioni diffarenti di quidda abitativa.

A sucità villanuviana

A struttura suciali di i cumunità villanuviani pò essa didutta da a ducumintazioni archiulogica è in particulari da i matiriali funerarii. I matiriali di u villanuvianu più anticu ( IX seculu a.C.) sò piuttostu povari. A tipulugia di l'ughjetti parmetti quantunqua l'idantificazioni di u sessu di u defuntu. I dipusizioni maschili si carattarizeghjani par a prisenza di rasoghji à forma rittangulari o semilunata, di fibuli à arcu sarpighjanti, spiddoni è, bench'è raramenti, armi. Calchì volta a cupartura di l'ussuariu hè custituita da un elmu in terracotta chì parmetti di diducia a qualità di guerrieri di u defuntu. U matiriali funebri feminicciu hè custituitu da cinturoni, fibuli à arcu simpliciu o ingrussatu, cannetti, rocchi. L'urni à capanna (scuparti in Etruria miridiunali, à Vetulonia è forsi à Populonia), di manera diffarenti di ciò chì accadi in a cultura laziali, ùn sò micca di esclusiva prerugativa maschili ma riguardani ancu i donni. In ogni casu i matiriali di l'urni à forma di capanna ùn sò micca più impurtanti cà quiddi rilativi à i vasi biconichi.

In i matiriali di stu periodu hè pocu diffusu u tarramu, rapprisintatu guasi esclusivamenti da l'ussuariu biconicu è da a ciottula di cupartura. I sipulturi, distinti da l'usu guasi esclusivu di u ritu incinniratoriu, prisentani par u più una struttura à puzzettu o à fossa bench'è incù parechji varianti lucali.

A ducumintazioni archiulogica di a prima fasa di u villanuvianu faria dunqua pinsà à una sucità di tindenza ugualitaria. Frà altru a simplicità di i matiriali pudaria ancu ùn rispichjà micca di manera fideli a sucità ma essa ditarminata da ideulugii riligiosi o funirarii. In ogni casu, ancu par u villanuvianu più anticu, ùn mancani micca ughjetti scuparti da qualessi emerghjini segni di diffirinziazioni suciali. In Tarquinia, par asempiu, in a necropula di Poggio Selciatello, si trovani parechji dipusizioni, maschili è feminicci, incù matiriali particularamenti significativi par a qualità è/o quantità di l'elementi. Inoltri, in parechji dipusizioni maschili di u IX seculu a.C. (à Bologna, Tarquinia, Cerveteri, Veio) sò stati ritruvati verghi di bronzu o d'ossu intarpritati com'è "scettri" è dunqua com'è attributi di u pristigiu è di a funzioni di u defuntu. Sottu un prufilu diffarenti hè statu ussirvatu ( Jean-Paul Thuillier) chì i formi d'insidiamentu di u villanuvianu, carattarizati da u spustamentu versu pianuri è cuddini è da l'accintramentu di l'individui in u duminiu di paesi più grandi rispettu à u periodu pricidenti, parini currisponda à un veru è probbiu disegnu puliticu è facini dunqua ritena l'esistenza di sceffi in u duminiu di 'ssi cumunità.

Espansioni à u nordu è à u sudu

Da u litturali è da u tarritoriu tuscanu, ind'eddi praticavani l'agricultura ancu grazia à l'opari di migliuramentu di zoni paludosi, l'Etruschi si espansini in seguitu sii à u nordu, in a Pianura Padana (fini VI seculu a.C.), sii à u sudu, in l'attuali Laziu. In u duminiu ecunomicu sviluppàni l'estrazzioni è u travagliu di i mitalli grazia à i minieri, soprattuttu di farru, prisenti nantu à u so tarritoriu; l'artisgianatu etruscu fù in l'antichità particularamenti apprizziatu è quissa favurì a crescita di i cummerci via mari, praticati soprattuttu da i cità di Cerveteri, Vulci è Tarquinia chì ghjunsini à cuntrullà i scambii in u Mari Tirrenu. S'edda hè valida l'affirmazioni di Titu Liviu chì i Reti cullucati in l'attuali Trentino-Altu Adige fussini di dirivazioni etnica etrusca, pò essa chì l'Etruschi cuntrullavani ancu i vii di scambiu versu u Nordu di l'Auropa.

Ùn hè parò mancu stampa esclusa l'iputesa, avanzata frà l'altri da Mario Torelli, chì l'etruschi avissini pupulatu praticamenti dipoi l'urighjini a Vaddi Padana è soprattuttu l'Emilia è certi zoni di a Rumagna, induva era prisenti un impurtantu nucleu villanuvianu (soprattuttu trà Bologna è Rimini), simpliciamenti in u corsu di u VI seculu novi migrazioni, d'etruschi più ricchi, urganizati è "civilizati", si soprapposini à un nucleu più povaru è "primitivu" d'abitanti, puri etruschi, ma sempri liati à una civilisazioni stabiliti in i paesi, pocu o par nudda diffarinziati sucialamenti è incù una schersa divisioni di u travagliu. [33]

Other Languages
Afrikaans: Etruskers
Alemannisch: Etrusker
asturianu: Etruscos
azərbaycanca: Etrusklar
تۆرکجه: اتروسک‌لار
беларуская: Этрускі
беларуская (тарашкевіца)‎: Этрускі
български: Етруски
brezhoneg: Etrusked
català: Etruscs
čeština: Etruskové
Чӑвашла: Этрускăсем
Cymraeg: Etrwsciaid
dansk: Etruskere
Deutsch: Etrusker
Ελληνικά: Ετρούσκοι
Esperanto: Etruskoj
español: Etruscos
eesti: Etruskid
euskara: Etruriar
estremeñu: Etruscus
suomi: Etruskit
français: Étrusques
Frysk: Etrusken
galego: Etruscos
עברית: אטרוסקים
hrvatski: Etruščani
magyar: Etruszkok
Հայերեն: Էտրուսկներ
interlingua: Etruscos
Bahasa Indonesia: Etruskan
italiano: Etruschi
ქართული: ეტრუსკები
Kurdî: Etrûsk
Latina: Etrusci
Lëtzebuergesch: Etrusker
lumbaart: Etrusch
lietuvių: Etruskai
latviešu: Etruski
македонски: Етрурци
Nederlands: Etrusken
norsk nynorsk: Etruskarar
norsk: Etruskere
occitan: Etruscs
polski: Etruskowie
português: Etruscos
română: Etrusci
русский: Этруски
sicilianu: Etruschi
srpskohrvatski / српскохрватски: Etrurci
Simple English: Etruscan civilization
slovenčina: Etruskovia
slovenščina: Etruščani
shqip: Etruskët
српски / srpski: Етрурци
svenska: Etrusker
Kiswahili: Waetruski
Türkçe: Etrüskler
українська: Етруски
vèneto: Etruschi
Tiếng Việt: Văn minh Etrusca